Adriana Ricchiuto vince il mio contest su Wattpad clap clap clap!!!

Hola Krillers come sapete da mesi, collaboro con le fantastiche colleghe Babbers, su wattpad, una piattaforma che permette di pubblicare a titolo gratuito le proprie storie a puntate o per intero…

Wattpad costituisce un ottimo modo per farsi leggere ma soprattutto conoscere 😉

Da mesi ormai lancio la mia rubrica a puntate: dove dico la mia sull’editoria seguendo la linea On writing tutto sull’editoria. Devo dire che ci ho preso un po’ la mano dato che non mi riesco a fermare…ed ogni week elargisco le mie perle di saggezza 😉 hiihihih piccoli consigli tra il serio ed il serioso basandomi sulle mi esperienze quotidiane com e blogger 😉 Poi sono  anche una scrittrice in erba dato che sto creando una vera e propria storia a puntate..ma quella è un altra storia hahahahha.

Cmq circa due week fa se aprite questo link:

https://www.wattpad.com/391819980-on-writing-tutto-sul-mondo-dell%27editoria-krilli-ci

Scoprirete che ho lanciato un contest dove ho invitato praticamente tutti voi a continuare la mia storia, bastava leggere ed inventarsi il seguitooooooo.

La vincitrice risulta essere miss Adriana ricchiuto classe 1999 che non solo ha scritto un signor pezzo scritto bene, sciolto divertente intrigante, ma è anche stata colei che ha colto esattamente lo spirito della mia storia, scrivendola come io avrei fatto!!! Infatti mi ha fatto un po’ pauraaaaa.

Questa fanciulla dice di se: ” Sono Adriana Ricchiuto. Ho 17 anni e sono una studentessa. Amo scrivere, è la mia vita. Ho iniziato questo percorso lo scorso anno, quando ho scoperto wattpad, e da lì non ho più smesso. Il mio nickname è _infinity_1999 e scrivo storie d’amore, fanfiction e romanzi rosa. Il mio sogno è quello di poter vedere uno dei miei libri all’interno di una libreria, vorrei tanto pubblicare qualcosa. Proprio per questo non mi arrendo mai cogliendo ogni occasione e continuando a scrivere per far nascere un sorriso sul volto delle persone che mi sostengono e che mi seguono nonostante non sia una famosa scrittrice”.

Miss Adriana inoltre desiderava da tempo essere pubblicata su un blog, eh beh è il mio no? mica male hihihih

Per cui a lei onoreeeee e meritoooooo vi pubblico il mio pezzo ed il suo fantastico seguito.

LOl!!!!

Mo lo sveglio quell’infame, se pensa che 3ore di volo bastino a perdonarlo si sbaglia di grosso…ha fatto il cretino con l’hostess! Sua sorella io! Lo strangolo…

Sarà meglio che faccia finta di dormire o all’arrivo avremo entrambi bisogno dell’arnica 😂 Moore è permalosa adoro punzecchiarla. So di essere un po’ stronzo ma in fondo lei ama anche questo di me. Beh diciamo che conquistarla è stata la cosa più difficile che io abbia mai fatto. Cavolo sono già passati quasi 5 anni, sembra ieri…quando…

5 anni prima…

<<Danny sono Andrea, devi salvarmi…Giulia vuole andare all’ennesima presentazione di un romanzo, nn ce la faccio più io mi rompo le palle>>.

<< E io che c’entro?>>.

<<Mi aiuterai a rimanere sveglio, Giulia vuole agganciare la blogger relatrice per sponsorizzare il suo romanzo, pare sia la migliore sul campo. Ti prego!>>.

<<Sei pazzo non se ne parla…>>.

<<Sarà pieno di donne…>>.

<< A che ora e dove?…>>.

Giovedì 30marzo…

<<Pieno di donne eh…qua l’età media sarà over 60😒 >>.

<< Che classista che sei… 😜 >>.

<<Andrea, Danny silenzio! Arriva Krilli!>>.

<< Chi?>>.

<<La super blogger…Danny>>.

<<Voi due nn mi fate sfigurare eh! È quella giusta per il mio romanzo>>.

Ricordo che rimasi incantato dalla sua eleganza, pensavo fosse una stronzetta che se la tirava. Invece entró a grandi falcate, sorridendo e salutando tutte con affetto. Il suo tubino nero, gli anfibi e suoi lunghi capelli rossi svolazzanti. Ricordo anche che neanche mi notò. Di solito ero abituato a tutt’altro tipo di attenzioni dalle donne e dire che eravamo in prima fila. Non facevo che sfoggiare il mio sorriso smagliante e lei nn faceva una piega. Neanche un’occhiata fugace zero! La presentazione stava volgendo al termine e la folla stava per accalcarsi a salutarla, Giulia inclusa. Dovevo fare qualcosa ma cosa? E dire che non era neanche il mio tipo…

To be continued…

Dannyyyyyyy svegliati! La tua sorellina non ha più sonno…

To be continued…

Buongiornoooo e ben trovati 😁 oggi vi lancio una sfida😁  avete una week di tempo e 1000 battute per raccontare cosa accadrà secondo voi su quell aereo…la storia piu bellina a mio insindacabile giudizio verrà pubblicata sulla mia pagina e sul mio blog. Postatela qui sotto nei commenti…

Lol Krilli

BY ADRIANA:

Ripenso a tutto quello che abbiamo vissuto, a tutte le emozioni che ho scoperto grazie a lei. Le immagini continuano a scorrere nella mia mente come se potessi riviverle, mentre continuo a fingere di dormire per non litigare con lei e dare spettacolo su questo aereo.

Provo davvero a dormire, ma non ci riesco, troppi ricordi invadono la mia mente. Sento la voce del comandante attraverso i microfoni, dice che tra non molto atterreremo. Ciò vuol dire che dovrò davvero svegliarmi, sentire la ramanzina da lei, perché d’altronde ha anche ragione, e dovrò anche far finta di essermi appena svegliato, e lo sappiamo tutti che sono un pessimo attore.

Osservo Danny dormire, sembra un angioletto.

Mi arrabbio spesso con lui, solo che non riesco a restare così per molto tempo. Non riesco a provare qualcosa che non sia amore nei suoi confronti.

Ho una voglia matta di baciarlo, ma non posso, non prima che si svegli.

“Dannyyyy la tua sorellina non ha più sonno!!!”

“Dai fratellone svegliati”

Continuo ad urlare accanto al suo orecchio, solamente che non si spaventa neanche un po’. Vuol dire che era sveglio, e continua a mentire.

Apre gli occhi immediatamente, confermando quello che credevo.

Mi guarda con occhi….diversi? Si diciamo di sì.

Si avvicina lentamente a me, come se fosse la prima volta.

È a pochi centimetri dalle mie labbra e riesco a sentire il suo respiro su di me.

“Scusa per quello che ho fatto, non dovevo provarci con quella ragazza”

“Perché eri sveglio e non mi hai detto niente?”

Sono curiosa di sapere cosa inventerà adesso.

“voglio essere sincero con te questa volta. Ripensavo ai nostri momenti insieme”.

Wow, erano i miei stessi pensieri, solamente che sono troppo orgogliosa per rivelarglielo.

Così afferro il suo volto e inizio a baciarlo, prima lentamente, poi con più passione.

Apro gli occhi e noto l’hostess che ci osserva senza parole con la bocca aperta.

Io e Danny iniziamo a ridere senza sosta, e lei se ne va senza aggiungere altro.

Non è mai troppo presto per amare: by Eugenio Nascimbeni

Buon pome Krillers oggi continuiamo a scoprire romanzi eh…vediamo un po’ questo…

cover completa

Sinossi: Fabio, dodici anni, un quartiere metropolitano di cui conosce ogni angolo, un gruppo di amici con cui passare le giornate. Poi le lunghe vacanze in campagna, dagli zii, e l’incontro che sconvolgerà la sua esistenza e le sue piccole grandi certezze, quello con la bellissima Lea, di due anni più grande. Un amore a prima vista, totale e profondo, come totali e profondi possono essere i sentimenti vergini di chi si affaccia alla vita. Passando dagli scorci di Milano all’entroterra di Pesaro, Nascimbeni riesce con delicata maestria a delineare lo sbocciare del sentimento nell’animo di Fabio, suscitando nel lettore un’empatia totalizzante nei confronti del piccolo protagonista. La prosa, curata e fluida, risveglia nella memoria tempi, cadenze e sensazioni in perfetto sincronismo con l’evolversi del narrato, ottenendo il miracolo di mescolare la fantasia con la realtà che ci appartiene.
“Per lei avrei fatto di tutto, qualunque cosa mi fosse stata chiesta. Quello che nessuno poteva costringermi a fare era smettere di amarla con tutto me stesso, anche se sembrava proprio che lei non mi volesse più.

Card 1

Scopriamo gli estratti hihih: https://www.amazon.it/Non-mai-troppo-presto-amare-ebook/dp/B06XZDLN5M/ref=sr_1_1?s=books&ie=UTF8&qid=1492171890&sr=1-1&keywords=eugenio+nascimbeni

E se lo voleste leggere? io lo farò 😉 lo trovate quiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

 

Lol Krilli

Alexandra L Clarke: D’ark il gioco dell’alfiere

Krillers come vedete i miei autori pranzano pure con me, oggi scopriamo il romanzo di miss Clarke:

D'ark Il gioco dell'alfiere cover

La città di Rocha è costantemente minacciata dalla malavita e dalla corruzione, ma il pericolo è sempre dietro l’angolo. Sembra non esserci più onestà in un mondo pieno di corruzione ma questa volta, come baluardo della giustizia sorge un vigilante, D’Ark, che cerca di aiutare la città a rialzarsi da questo baratro d’illegalità. La storia segue parallelamente la vita di due fratelli: Giorgia e Michele Mestri. Giorgia, una ragazza forte e determinata che ama il suo nuovo lavoro parteciperà alla ricerca di un noto serial killer di nome Guignol che trascina dietro di sé le sue povere anime in una lotta senza fine. La squadra dei profiler, insieme alle forze dell’ordine, si batterà con grande dedizione per la sicurezza e per la sopravvivenza dei cittadini. Mentre suo fratello Michele, il giornalista, seguirà il caso del vigilante occupandosi di scrivere la verità su chi sia questa famosa celebrità. Aiutati dal loro intuito e dalla loro forza di volontà, entrambi si renderanno conto di quanto la realtà che li circonda sia più complicata di quanto appaia. Esiste davvero questo eroe oppure è una mera invenzione di una società senza giustizieri? Riuscirà Rocha a distinguere il bene dal male ? Ciò che è reale da ciò che non lo è? 

Non trovate che la cover sia fighissima? ma non è finita qui…che mi dite della trama?

 

Per saperne di più 😉

 

 

https://www.facebook.com/a.clarkewriter/

https://alexandraclarkeacw.wixsite.com/darktrilogy

 

BIOGRAFIE:

(Alexandra L. Clarke è lo pseudonimo di Cristina Silvestri e Mirela Minkova.)

Cristina Silvestri, nata a Napoli il 13 giugno 1990, frequenta il liceo classico e si laurea prima alla triennale di Scienze per l’Investigazione e la Sicurezza e poi alla magistrale di Ricerca Sociale per la Sicurezza Interna ed Esterna. Ha vissuto in Inghilterra per un anno facendo tirocinio presso l’Università di Portsmouth grazie alla borsa di studio Erasmus+.

Mirela Minkova nata a Sofia (Bulgaria) nel 1989, trasferitasi in Italia nel 2002, anch’essa laureata in Scienze per l’Investigazione e la Sicurezza, dove ha conosciuto la sua co-scrittrice. Attualmente risiede nel Regno Unito.

Io lo leggerò e voi?

LOl Krilli

Segnalazione attenzione!!! Come per la luna il sole di Manuela Stangoni

Krillers seguono altri fantastici romanzi oggi;)

A pranzo con me Miss Manuela Stangoni il cui progetto nasce da un’idea molto particolare e toccante, ve la condivido…

SPINTA MOTIVAZIONALE

La motivazione che mi ha spinto a scrivere questo romanzo è semplice; avevo i miei figli che si affacciavano all’adolescenza e sentivo la necessità di dirgli delle cose che riguardavano la vita e come affrontarle. Temendo che venissero sottostimate e poco considerate, per noia o disattenzione, decisi di trovare una via alternativa: avrei fatto dire a un’adolescente tutto ciò.

Creai così il primo personaggio: Luna.

Un’adolescente che si trova ad affrontare le insidie della vita, e che quando finalmente il suo carattere è abbastanza forgiato, torna nel posto in cui sa di potere ricucire la sua anima. Per questo si reca a Badesi in cerca di Leonardo.

Attorno a lei altri coetanei che rispecchiano le caratteristiche delle classiche compagnie: l’introverso, l’estroverso, l’invidioso e il pacificatore. Ognuno ha un ruolo ben preciso.

Ho cercato così di descrivere, con situazioni e linguaggio giovanile, le difficoltà che gli adolescenti si trovano ad affrontare; spesso da soli, rintanati in un silenzio fatto di dolore: taciuto e impenetrabile.

Luna e Leonardo, sono adolescenti che affrontano: sogni infranti, perdite inconsolabili, la lontananza forzata. Ma hanno un desiderio di rinascita.

Per non annoiare il lettore ho inserito inoltre un po’ di giallo, suspense e un po’ di storia esoterica sarda. Il tutto con un intento preciso: renderlo un page-turner attraverso il quale apprendere un po’ di didattica.

I principali destinatari sono sicuramente gli adolescenti, ma ritengo che anche a un adulto possa piacere, per due motivi: se non ha figli, avrà modo di fare un balzo nel passato e visitare un posto in cui, magari, non è mai stato; se ha figli, avrà modo di rileggere la propria adolescenza e sentirsi più vicino alle esigenze dei suoi figli.

Sinossi: Luna nasce e cresce a Genova, ma trascorre ogni estate a Badesi (Sardegna) dove, un’intensa amicizia la lega a Leonardo. Questa col tempo si tramuta in un legame più intimo; che purtroppo sarà intralciato da un evento infausto. A causa di quest’ultimo, a Luna, di appena tredici anni, non sarà più possibile recarsi in Sardegna; e così, per sei lunghi anni.
Solo una volta raggiunta la maggiore età, potrà finalmente realizzare i propositi che per lungo tempo l’hanno accompagnata.
A diciannove anni, Luna si reca a Badesi e rincontra Leonardo; ma non sarà così semplice riallacciare i rapporti di un tempo. Leonardo frequenta un’altra ragazza che non ha nessuna intenzione di lasciarselo scappare. Nel contempo, Luna, diviene preda delle attenzioni di uno sconosciuto che dapprima la pedina, in seguito le lascia nella cassetta della posta messaggi ambigui e ogni notte, la piantona rintanato nella sua auto.
In mezzo a tutto questo scompiglio, la figura di Gianni, un amico d’infanzia, mette un po’ di serenità nell’animo di Luna. Peccato che lui, sia segretamente innamorato di lei: da sempre.
Ci vorrà tempo e determinazione, da parte di Luna, per mettere un po’ d’ordine nelle loro vite.
Perché: “la vita è cadere viverla è rialzarsi”.

copertina jpeg per pagina fb

Per saperne di più: https://www.amazon.it/Come-per-luna-il-sole/dp/8868829800/ref=sr_1_fkmr0_1?s=books&ie=UTF8&qid=1489252207&sr=1-1-fkmr0&keywords=Manuela+Santangoni+lettere+animate

NOTA BIOGRAFICA.

E’ il primo romanzo che redigo.

Per quanto la mia vita sia stata sempre accompagnata dalla lettura e il desiderio di scrivere, il tempo con me è sempre stato avaro.

A vent’anni ho intrapreso la mia professione, che procede tuttora, presso una struttura ospedaliera.

In seguito, la famiglia e il suo ampliamento con l’arrivo dei figli.

Questa volta non ho resistito. Un’idea ha iniziato a ronzarmi nella testa e dopo aver terminato una notte di lavoro, non sono andata a dormire. Ho portato i miei figli a scuola, e, appena mi sono trovata avvolta dal silenzio della casa, ho iniziato a scrivere. Di giorno e di notte. Come una febbre, cessata al termine di questo romanzo.

Buona lettura!!! lol Krilli!!!

 

Pecador! io non me lo perdo mica!

Hola Krillers torno oggi con grandi novità tutte da scoprire! in primis un’accoppiata vincente formata da Miss Aura Conte and Miss Connie Furnari, due siciliane doc che online insieme da pochissimo, stanno già ai posti più alti delle classifiche 😉 e io come terza sicula doc non posso che fare il tifo per loro hihihi. Oggi vi presento il loro primo romanzo, dal nome esotico e dai dialoghi entusiasmanti, parliamo di:

PECADOR: UN CRIME ROMANCE ❤ DALLA REGIA MI DICONO CHE SI POSSONO RICHEDERE ANCHE LE COPIE AUTOGRAFATE 😉

Inoltre sempre dalla regia mi dicono che questa canzone faccia da colonna sonora al romanzo, quindi non appena lo finisco vi dirò a quale scena lo abbino…intanto sentiamocelaaaaaa

Pecador Flor de Cuba - Aura Conte e Connie Furnari 500px

Titolo: Pecador – Flor de Cuba
Autori: Aura Conte e Connie Furnari
ISBN/ASIN: B06Y4978MY

Trama: “Cresciuto per le strade di Little Havana, dopo un’adolescenza turbolenta e una veloce ascesa nel mondo della criminalità organizzata, Rafael Guerrera si ritrova a soli ventisette anni a gestire un impero, come il più giovane narcotrafficante di Miami.
Affascinante seduttore, insolente e prepotente, amante del lusso e del denaro, ma soprattutto un assassino a sangue freddo, Rafael ha sempre tenuto fede a un’unica promessa: mai fare del male a donne e bambini.
A causa di un processo imminente, è però costretto a trasgredire alla sua promessa e ordina ai suoi uomini di rapire Madalena De La Cruz, figlia di un boss rivale e unica testimone di un duplice omicidio commesso dal braccio destro del clan Guerrera, Santi Pacheco.
Pur di non far testimoniare la ragazza in tribunale e lasciarle distruggere il suo clan, Rafael decide di tenerla in ostaggio fino alla fine del processo.
Quando i suoi uomini gli portano una giovane donna, bella come un angelo, innocente e fragile, Rafael rimane sconvolto. E il suo impero comincia a crollare, ma non per quello che aveva temuto: soltanto a causa dell’amore per una donna, l’unica che non avrebbe mai dovuto amare e l’unica che non potrà mai avere.”

Amazon: http://amzn.eu/hHkCkrU (disponibile anche su Kindle Unlimited)
Extra: “Pecador” è un crime romance che parla d’amore, di violenza, di peccato e sangue, con scene di adrenalina pura e passione sfrenata. Ispirato a Romeo e Giulietta, è la storia d’amore fra due giovani che dovrebbero odiarsi, ma che il destino fa innamorare, per sconvolgere le loro vite.
Il punto di vista di Rafael è descritto da Connie Furnari.
Il punto di vista di Madalena è descritto da Aura Conte.
Il romanzo è autoconclusivo, quindi può essere letto come volume unico. In seguito verranno pubblicati vari spin-off, prequel e sequel.
Come vedete queste due fanciulle hanno già le idee molto chiare a noi non resta che leggerle no?
Lol Krilli!!!

 

 

BLOG TOUR: ‘FUORI TEMPO’ by ABYSSO E ODISSEA

hola Krillers e ben trovati, torno oggi dopo un po’ mica sn sparita…tramo nell’ombra per voi 😉 oggi ho il piacere e la gioia di ospitare la seconda tappa del blog tour di Mister e Miss  Abisso e Odissea.

https://www.facebook.com/events/210143002800331/

Vi racconto un po’ di loro perché come sapete tendo leggermente a fare il 3′ grado agli autori che apprezzo!

Mi hanno come dire stalkerato loro e proposto il loro meraviglioso romanzo che ho letto amato e recensitoooo il mio primo MM ohhhhhhh devo dire che è un genere decisamente notevole e prolifero…poi come sapete amo i romance e da poco beh anche i bromance 😉

Con me oggi scoprirete un dettaglio inedito hihihi ovvero che tutto il romanzo è nato da una canzone uhuhuhuhu

Quello che i nostri protagonisti anelano è del tempo insieme, tempo che sembra sfuggire dalle loro mani, lo stesso tempo che sembra scadere lasciandoli soli, come erano e come non volevano più essere.

Lo stesso tempo che non si vogliono rubare reciprocamente ma che vogliano consapevolmente spendere insieme, nonostante le difficoltà, nonostante le incomprensioni, nonostante il loro passato.

Due anime che danzano la ritmo di questo brano, incontrandosi e scontrandosi ì, indecisi e decisi, spaventati e appassionati, ossessionati l’uno dall’altra e increduli al loro destino.

Cecil e Cos vogliono solo amarsi ma non deve essere una rinuncia ma un ritrovarsi…

Esserci per restare non esserci per tentare…

musica cri 2

musica cri

 

Uno scrittore, il suo mondo, Pierfederici Alessandro.

Buongiorno e ben trovati, come sapete sono perennemente in cerca di tesori letterari, torno oggi con un autore che merita tutta la nostra attenzione per la dolcezza e profondità dei suoi romanzi.

Con me oggi Alessandro Pierfederici, se volete scoprire un po’ della sua vita sbirciate qui:

http://www.alessandropierfederici.it/Alessandro_Pierfederici/Home_page.html

Già noto nell’ambito musicale per essersi ripetutamente distinto, ha praticamente un CV da paura…

Per il resto follow me 😉 perché è uno scrittore che sta riscuotendo i favori e le lodi della critica, non potevo certo perdermelo!

Le sue parole, le sue emozioni…

“Credo che scrivere sia soprattutto mettere in discussione sè stessi, le proprie conoscenze, convinzioni ed esperienze.
Il foglio bianco che giace sul tavolo davanti a me mi osserva e mi interroga, chiedendomi l’autentica verità della mia vita e della mia coscienza, delle vicende quotidiane come dei ricordi lieti o tristi, delle emozioni come dei sogni di un tempo e di oggi.
Dialogare ogni giorno con quel foglio è talora facile, talora estremamente faticoso ma è sempre e comunque un atto di coraggio e di lealtà verso me stesso. Non posso mentire a tale interlocutore né nascondermi dietro l’ipocrisia di colui che vuol vedere solo ciò che gli piace: sulla pagina scritta di fronte a me, qualunque sia il tema trattato, vi è uno specchio che riflette la mia personalità e man mano che sgorgano le parole si forma e si dipinge il mio ritratto.
A volte quello specchio è il più sincero confidente, l’amico d’infanzia che condivide e corregge i nostri errori; spesso però è un giudice severo ed inflessibile, del quale si cerca d’ignorare la voce e quindi si gettano fogli su fogli, tentando ogni volta di ricominciare, finché finalmente, come per miracolo, il pensiero si fa parola, l’idea prende forma, l’emozione le dà vita e la realtà interiore di colui che scrive diventa arte”.

L’idea del dialogo, di mettersi a nudo, con pregi e difetti e di lasciarsi guidare dalle emozioni, positive o negative che siano, sono pur sempre parte di noi, rendendoci ciò che siamo. Decidere di confrontarsi con una nuova sfida, un nuovo progetto, vedere un’idea prendere forma e trasformarsi in un successo.

Io mi sono emozionata e voi?

Ecco una panoramica rapida dei suoi lavori:

“Ritorno al tempo che non fu” Edizioni del Leone (2011)

Nel dicembre 2013 esce il suo secondo romanzo: “Ascesa al regno degli immortali”

LCE Edizioni – collana Narrativa diretta da Paolo Raffili.

Nel 2015 pubblica “Oltre le colonne d’Ercole” (una seconda edizione è in corso).

51s4ey59eal-_sx331_bo1204203200_-1

“Oltre le colonne d’Ercole” è più di un saggio, è un’opera di narrativa quando affronta gli aspetti biografici e soprattutto nei sei fantasiosi racconti e nell’originale “Epistolario impossibile”, quando delinea un’immagine umana e stimolante dei due maestri, una nuova visione della loro ispirazione e della loro presenza nella storia e nella vita di coloro che li circondavano, proiettandone il pensiero nelle problematiche della modernità: il rapporto tra artista e politica, la distanza tra artista e pubblico e il suo ruolo nel contesto sociale. Un libro composito, vario, dove la musica è raccontata senza esempi musicali e si interseca con la letteratura, il mito, la storia, la filosofia, le religioni, l’esoterismo, la psicologia, e insieme a tutto questo penetra nella vita del lettore

 

Novembre 2016: “Racconti e Memorie di Isole e Mari”.

51j4p2svx2l-_sx326_bo1204203200_

 

Rievocando e trasformando ricordi giovanili di gente di mare, di antiche storie dall’origine arcana, di fantastiche narrazioni ascoltate in tanti anni e ricreate dalla fantasia, nascono questi sedici racconti, la cui matrice comune è l’infinita suggestione del mare, fra coste ed isole. Sono idilli d’amore, storie d’avventura, percorsi di riflessione intima, ma anche narrazioni di visioni misteriose, di spettri e delitti, di erotismo e passione, di legami familiari, amicizie giovanili e vicende biografiche, in luoghi ed epoche diversi; e su tutti i racconti aleggia la grandiosità della natura marina, delle sue forme, dei suoi colori e della sua voce. Tra furiose tempeste e isole incantate, tra scogliere a picco, fitti boschi e rigogliose campagne, tra villaggi di pescatori, spiagge argentate dalla luna, conventi e antiche fortezze, si muove un’umanità fiduciosa o disillusa, coraggiosa o saggia, operosa o malvagia, ma sempre unita dalla comune soggezione alle primordiali regole del mare, che ospita e forgia le gesta della sua gente, e che stimola profonde o inquietanti riflessioni sull’interiorità dell’anima, i cui recessi sono più oscuri e inesplorati degli abissi più profondi.

https://www.amazon.it/Racconti-Memorie-Di-Isole-Mari/dp/1540321754/ref=sr_1_2?s=books&ie=UTF8&qid=1487623598&sr=1-2

Due imperdibili romanzi, che vi toccheranno il cuore e l’anima.

Buona lettura.

Cristina Pace

A MUsica&Parole Diego Romeo

 

cover

Hello hello bentornati alle giornate d’autore by Dark Zone. oggi con me Diego Romeo, come prima cosa scopriamo la sinossi 😉

diego

Un impero millenario è in rovina, e lo scontro è inevitabile. L’impatto si rivela subito immane, le perdite incalcolabili. I capi non si sottraggono ai duelli, le battaglie diventano feroci. È la legge della Grande guerra. Un’amara sorpresa è in agguato.
Tutto sembra perduto, quando l’imperatore, i paladini e i generali soccombono. Un viaggio inaspettato nel Mare astrale porterà il maestro e Karl su Hyachinto, alla ricerca dell’unico negromante che ha scoperto il segreto della vita eterna, con la vana speranza di chiedergli l’impossibile.
Sullo sfondo, viaggi in dimensioni parallele e intrighi dei servitori del male, con maghi, elfi e nani in cerca di un riscatto.

Ovviamente abbiamo brani e testi altrimenti che ci sto a fare no ? 😛

La terra iniziò a tremare sotto il possente galoppo dei cavalli da guerra della Legione testa d’ariete, lanciati a ritmo forsennato. I millecinquecento cavalieri procedevano compatti contro il muro bestiale, vociante e deforme dei pelle-verde, usati dai nemici come riserva di carne da macello per sostenere il primo micidiale urto dell’avanguardia imperiale. Il cuscinetto che dovevano creare si sarebbe sfaldato in pochi istanti, ma tanto bastava a creare un cumulo di cadaveri per rendere disagevole l’avanzata. Una tattica cinica, pur sempre efficace.

Alla carica! Avanti in nome del sommo Drago! La vittoria nelle nostre mani, per amor del fausto destino!

 

Hyachinto era una città pressoché bizzarra. Non aveva uno schema preciso, ma un’espansione caotica. Sembrava che nessuno si fosse preoccupato mai di rispettare anche le più basilari leggi dell’urbanistica. Palazzi attaccati l’uno all’altro senza regole, finestre che affacciavano in altre finestre, vicoli che diventavano vie consolari all’improvviso e viceversa. Nulla aveva una disposizione logica; tutto era affastellato a formare più livelli. Gli strati più bassi erano più opprimenti, e di conseguenza i più poveri. I quartieri più alti erano più ricchi; lì vivevano i nobili e le autorità cittadine. Il colore azzurro regnava ovunque. L’unica variazione erano le sue sfumature: da scuro a un celestino così brillante da sembrare cristallo e offendere chi non era abituato a tanto fulgore.

 

 

 

«Io Abraxas, signore dei nove inferni, padrone dei quattro flagelli e comandante delle schiere dell’Abisso, sfido te, Derfel gran maestro dell’Ordine della spada ardente in un duello!».

Ecco la sentenza che Derfel aspettava con tanta ansia.

«Mi dispiace deluderti, Abraxas! Non sono più gran maestro, da quando ho ceduto il compito a un giovane valoroso che freme dall’ansia di fronteggiarti! Sono solo Derfel il Senza-titolo. Se sono ancora alla tua altezza, sarò lieto di accettare il tuo invito».

Abraxas non rispose, si limitò a scendere dal suo drago e sguainare la spada. Era evidente che il signore oscuro lo riteneva ancora al suo livello. E la conferma indiretta lo riempì di un profondo orgoglio. I due si fronteggiarono per qualche minuto. Ognuno studiava l’avversario con molta prudenza. Derfel sapeva benissimo che aveva di fronte un guerriero abile e astuto. Lo stesso valeva per il Nero, sapeva che non avrebbe affrontato un nemico qualunque.

Enjoyyyyyyyyyyyyy

Krilli

 

 

Intervista alla scrittrice Alisa Grey

Ciao Kriller oggi con me miss Alisa Grey che ci racconta un po’della sua vita e dei suoi romanzi 😉

DIMMI DI TE
Ciao, anche se tutti mi conoscono come Alisa Grey, il mio vero nome è Lisa, vivo a Varese, ultima tappa di una serie infinita di trasferimenti, condivido la mia vita con un marito adorabile, sono una vegetariana gourmand, ovviamente amo gli animali. Le mie giornate lavorative però, non sono fatte di parole ma di numeri, produttività, timing da rispettare e costi da calcolare.

E qui, arriviamo rapidamente alla seconda parte della domanda.

 
Com’è nata la tua passione per la scrittura i suoi primi passi fino alla pubblicazione.

Sono sempre stata una grande divoratrice di libri e, anche se i libri storici o di storia, resteranno sempre la mia passione, con il tempo ho imparato a diversificare.

Quando però passi le tue giornate a ragionare su tutto, lasciarti catturare dalle parole è un eccellente metodo antistress, soprattutto se il sogno ad occhi aperti è il tuo.

Così è nato Cullata dalle onde, un viaggio fantastico che mi ha portato a esplorare territori e pezzi di storia, sconosciuti.

Dopo di cui non mi sono più fermata. E ogni libro è sempre una parte di me e racconta le mie passioni più grandi, come i viaggi, la musica, il teatro o l’arte.

 
La tua concezione della scrittura.

Come disse Marguerite Duras: La scrittura è l’ignoto. Prima di scrivere non si sa niente di ciò che si sta per scrivere e in piena lucidità.

Condivido questo pensiero, perché come lei, io parto sempre da un’idea astratta ma poi sono le parole che mi conducono là dove vogliono andare.

 Cosa vuoi trasmettere a noi lettori.

Gli scrittori scrivono, perché i lettori leggano, e quando succede è già la più grande soddisfazione. Mi piacerebbe anche pensare che le mie parole possano far cantare, ballare, baciare, piangere, sanguinare, infuriare e amare.

E se dopo tutto questo, riesci a strappare un sorriso, la soddisfazione è doppia.

 Dimmi 3 aggettivi che descrivono te ed il tuo stile.

Vorrei definirmi una scrittrice eclettica e magari anche creativa, ma realtà credo che la mia scrittura sia in evoluzione… esattamente come me.

 Per sapere cosa ha scritto…

https://perchelodicekrilli.wordpress.com/2017/01/13/scopriamo-i-romanzi-di-miss-alisa-grey/

CULLATA DALLE ONDE – dicembre 2015

SAUVAGE – 2° capitolo di Cullata dalle onde – aprile 2016

ROCKED BY THE WAVES – versione inglese – settembre 2016

DEAR JULIET – settembre 2016

 Progetti in corso e futuri.

Come è tipico di ogni scrittore, di ogni cosa che vedo, ascolto, leggo o immagino, recepisco solo quanto mi sembrava affascinate, tralasciando e reinterpretando tutto il resto.

Nasce così il nuovo romanzo su cui sto lavorando da diversi mesi, anche se non da sola.

Si tratta di progetto molto particolare che la mia editor sta seguendo con una pazienza certosina, sin dai primissimi capitoli.

E quando alla fine di un libro lo scrittore sente la necessità di ringraziare il proprio editor, e le amiche che ti hanno seguito passo dopo passo, credetemi sulla parola… un motivo c’è.

 Un sogno nel cassetto ed uno che è già fuggito dal cassetto.

Che la realtà non sia mai all’altezza dei nostri sogni è oggettivo, per ciò regalare un sogno o anche solo qualche ora di sano divertimento, è, e sarà sempre, il mio desiderio più grande.

 Parliamo del genere che hai scelto.

Come ogni ariete che si rispetti, qualsiasi cosa che assomigli vagamente alla routine potrebbe uccidermi. Ecco perché viaggiare verso ciò che è sconosciuto, e che potrebbe assomigliare ad una sfida, mi affascinerà sempre. Perciò come ho già fatto con Dear Juliet, vorrei continuare ad esplorare tutti i generi, e magari cambiando anche stile.

 Lol

Krilli

 

Recensione’A modo mio’ di Viola Raffei

Hola Krillers! Come sapete recensisco tutti i romanzi che attraggono la ma attenzione 😉 questa volta è il turno di ‘A modo mio’ di Viola Raffei, regina delle condivisioni ho molto da imparare da te sorella!
Cominciamo dal titolo: ‘ A modo mio’ breve, incisivo, decisamente azzeccato.
La cover: è elegante e rappresentativa del romanzo, certe cover non si possono guardare…

Andiamo alla trama: è tosta, fluida, scorrevole, intrigante, è un romance? Sì! È un erotico anche, ma la cosa bella è che i due elementi sono perfettamente combinati e bilanciati, in modo tale da non disturbare un lettore timido e da affascinare un lettore più ardito…
Lo stile di Viola è molto elegante e sfumato, passa con facilità dalla descrizione dei sentimenti dei protagonisti a quella dei momenti calienti…con un linguaggio più forte quasi più ‘ duro, sporco ’ tipico degli hot…
Tre i protagonisti…Julie indecisa tra due uomini, un passo dentro ed un passo fuori dalla sua confort zone.
Affascinata da un uomo che la travolge che la fa sentire donna, ma soprattutto desiderata e voluta ed un altro più tranquillo, più standard, che la ama per quello che è, senza troppe pretese ne ambizioni.
Noi donne si sa, vorremmo il mix perfetto, ma esiste davvero?
Io non ve lo so dire…
Abbiamo il bello e impossibile, contro il bravo ragazzo…lotta impari -_-‘
Ma qui c’è di più, non si tratta della solita manfrina, perché i protagonisti si evolvono man mano che la storia si sviluppa. Vediamo una cambiamento di atteggiamento, li vediamo battersi per ottenere ciò che vogliono e perché no, per essere un pizzico felici 😉
Julie colpisce perché ha “gli attributi” non è il tipo di donna disposta sta lì a farsi maltrattare dal primo belloccio di turno. Sarà anche indecisa, ma sa esattamente ciò che non vuole e non ha certo paura a metterlo in chiaro, anche al costo di soffrire.

A volte si passa più tempo a scartare qualcuno che non a scoprire se al di là delle apparenze, c’è davvero qualcosa di buono e quando accade ci ritroviamo incredule, perché abbiamo già dato troppe chances a chi non se le meritava e non ne abbiamo più, per chi forse se le meriterebbe. Morale della favola o scappiamo o ripieghiamo, rimanendo in dubbio e probabilmente infelici.
Vorremmo tutto a ‘Modo nostro’ ma a volte si fa anche ‘a modo altrui’…il che potrebbe anche avere riscontri interessanti…se solo ci prendessimo un attimo per riflettere senza farci le solite 1900 paranoie in 14 secondi.
Julie deve decidere cosa fare, vuole essere felice ma ha paura di sbagliare (join in the club).
Vorrebbe fidarsi, ma stenta perché la paura la frena, chi dei due riuscirà a farla sua? Riuscirà a scegliere o rimarrà per sempre in bilico fra certezze e paure?
Fatemi sapere…perché io l’ho già letto e amato…
Lol
Krilli