‘ Ad una tazza di tè con Krilli’ Miss Therry Romano ;)

Hola Krillers come sapete gli autori mi amano e si fanno rompere le palle…ehm intervistare… scasate…da meeeee

Oggi con me Miss Therry Romano che ci racconta del suo mondo e dei suoi tanti romanzi 😉 stay tuned perché a breve arriverà anche la mia recensione di Angel Down ❤

Per cui a noi le sue rispppppppp!!!

Bio: 2 righe su di te, chi sei cosa fai, quando hai preso consapevolezza di ciò per cui stai lavorando?

Sono un miscuglio di razionalità e passione, mamma e moglie, lavoro in una PA di Torino, mi occupo di tanti progetti con le scuole e i giovani. Amo leggere in maniera ossessiva, a volte con lettura fotografica, memorizzando alcuni passi che poi esamino con calma. Adoro il fantasy, la fantascienza, i gialli. Ho cominciato a scrivere prestissimo, alle elementari, ma ho coltivato la mia passione solo dalle medie, integrando letture di nicchia ed estere. Amo il mondo dei cosplayer e tutto ciò che è giapponese.

 

Elenco di tutti i suoi  romanzi, tanta roba Krillers 😉
Angel down (fantasy)

Time vampires (fantasy)

Bellissima pazzia (Yound adult – racconto breve)

Questioni di carta e di pizzo (chick lit – racconto breve)

Il matrimonio della cugina (romance – racconto breve)

Una Fairy per gli Scream (Young adult)

Un graffio al cuore (gothic romance)

Kissmet – Baci dal passato (favola paranormal)

Twins in love (Young adult)

Cosa vuoi trasmettere a noi lettori?
La cosa che amo di più è far sognare chi mi legge, trasmettere un pezzo del mio mondo interno e darvi la possibilità di attingere al vostro. La lettura è questo: passione, desideri, sogni che possono divenire realtà, anche per il breve istante in cui leggi un libro.
Nei libri si vivono miliardi di vite, intense, appassionate, che ci lasciano appagati e nostalgici, ma che sarà sempre un mondo a cui si può attingere per colorare la nostra realtà.

Dimmi 3 aggettivi che descrivono te ed i tuoi progetti.
Imprevedibile, imperfetta, appassionata.

Progetti in corso e futuri?
In autunno è previsto l’arrivo del continuo di Angel Down, un inedito sempre fantasy con una CE, un progetto inconsueto e alcune collaborazione con altri autori. Appena possibile ritornerò con un romance, dallo stile ironico e divertente.

Vediamo un sogno nel cassetto ed uno che è già fuggito dal cassetto…
Il sogno nel cassetto è il continuo di Una Fairy per gli Scream, progetto abbastanza traballante, più una serie di racconti dedicati ai più piccoli sulla convivenza civile e l’educazione alla legalità.
Ciò che invece sono riuscita a realizzare, sono i cartacei di tutti i miei scritti che presto saranno su Amazon e una collaborazione per una collana emergente dai contorni ‘profumati’ (Collana Floreale).

Krillers che aspettate a leggerla?

Io ho già iniziatoooo

LOl

Vi presento la scrittrice Chiara Casalini ed il suo mondooooo

Hola e bentrovatiiiiii, come sapete amo lavorare con gli scrittori emergenti 😉

Ecco per noi un’altra per la tutta da leggereeee:

Lei è miss Chiara Casalini vediamo un po’ di robaaaaa

Nata il 7 Agosto del 1977 a Legnago (VR), fin da piccola ha sempre amato comunicare, nonostante un’innata timidezza, iniziando così a scrivere i suoi pensieri sui diari di scuola. Intraprende gli studi classici animata dalla passione per la letteratura e le materie umanistiche; il suo spirito libero ed eclettico la porta successivamente a sondare la vocazione artistica attraverso i nuovi studi intrapresi presso l’Istituto d’Arte di Castelmassa (RO). Esprime poi la propria natura creativa lavorando come grafica e fondando una band metal di cui diviene voce e songwriter, i Wild Angel, scrivendo per quest’ultima una storia, sviluppata attraverso i testi di 8 canzoni, che diventerà il concept stesso del gruppo: The Wild Angel. L’avventura musicale iniziata nel 1998, si conclude nel 2013 e da lì torna dedicarsi con maggior forza e passione alla scrittura, pubblicando con Loquendo Editrice “Scacco al re”, presentato a Lucca Comics & Games e seguito di “Scarlet – Morire per vivere ”, pubblicato l’anno precedente.
Parallelamente all’attività di scrittrice, condivide pensieri, poesie, riflessioni e stati d’animo attraverso il proprio blog, leitmotiv della sua creatività (https://desolateland.blogspot.it).
Cresciuta nell’ambito della stregheria locale contadina, a 16 anni inizia un percorso di ampio respiro nello studio dell’esoterismo, sondando diversi aspetti, sia teorici che pratici. Nel 2005 intraprende un percorso nell’ambito marziale tradizionale giapponese, che sposa il suo amore per le discipline spirituali guerriere, fino a riprendere nel 2011 studi sulla tradizione Norrena-Vichinga, che alla fine diviene la sua strada, assieme allo studio delle Rune e allo sciamanesimo-guerriero, decidendo di condividere il suo percorso attraverso un sito (http://ulfhildr.altervista.org).

La trilogia di Scarlet si apre col primo libro (sono romanzi brevi), “Scarlet – Morire per vivere”, che è un diario post-mortem scritto dalla protagonista, divenuta un vampiro, per non dimenticare la sua vita con lo scorrere del tempo. Scarlet racconta così della sua felice infanzia, del rapporto profondo e particolare con la madre, una strega, della sua morte e di come questo sconvolse la sua vita, ledendo il rapporto col padre che diviene asfissiante; la sua adolescenza ribelle e un grande amore con un ragazzo dei bassifondi, che però di punto in bianco sparisce, lasciandola sola. Lei cambia, decide di inserirsi nell’alta società che disprezzava, divenendo più dura e abbandonando la Via della madre. Almeno fino a quando uno strano incontro non la trascina in un mondo che vive di notte, un nuovo amore e una scelta per l’eternità dettata dalla sua paura di perdere chi ama.
Il genere è quindi un urban fantasy dai toni noir, ambientato a San Francisco, che presenta i tratti anche di un paranormal romance.

“Scarlet – Morire per vivere”

Sinossi
La storia inizia dalla fine, per creare un cerchio completo che é la vita di Scarlet, la protagonista e autrice di un diario particolare, in quanto scritto dopo la morte. Un’infanzia felice in una famiglia benestante di San Francisco, una madre strega che le trasmette il proprio sapere, creando un rapporto intenso e profondo, ma la cui tragica e misteriosa morte stravolge gli equilibri della famiglia, rovinando il rapporto con il padre che diviene paranoico e opprimente, scatenando l’indole ribelle della figlia. Da ragazza bene a frequentatrice di un gruppo di motociclisti, con un ragazzo che sembra un teppistello di strada, che però rende a Scarlet un rapporto umano vero, passionale e sogni per il futuro. Almeno fino alla notte prima della partenza di lei per Harvard, quando Max la lascia di punto in bianco con una telefonata, sparendo. Ne esce distrutta e dopo un periodo di depressione, decide di chiudere coi sentimenti e di adattarsi al mondo che le è “proprio, per lei fatto solo di maschere e apparenza, lontana da San Francisco e anche dalla pratica a cui la madre l’aveva iniziata.
L’ultimo anno di college, tornando una sera a San Francisco con degli amici, sente qualcosa di particolare e vede un uomo dall’aspetto familiare, il cui pensiero la tormenta, spingendola a tornare a cercarlo la settimana successiva. Rammenta di averlo conosciuto a undici anni col padre, ma qualcosa sembra impedirle di rendersi conto di stranezze evidenti. Inizia una strana relazione con Alexander, intensa, seppur prevalentemente psicologica, non carnale, ad eccezione di baci in grado di travolgerla e stordirla. Lentamente lei entra nel suo oscuro mondo, che le ricorda una corte medievale, su cui domina Edward, figura carismatica ed inquietante. Scarlet si innamora senza scampo e anche quando scopre che lui ha avuto una relazione con la madre e che è stato la causa della sua morte, commissionata da Edward che sembra quasi braccarla, non riesce a chiudere la relazione, neppure dopo aver rischiato di morire per un rituale avventato. Alla fine Alex ottiene il consenso di Edward per trasformarla in un vampiro. Il giorno della laurea, Scarlet gli chiede di poter restare con lui per sempre; si concretizza così il sogno premonitore che non era riuscita a decifrare, pur sentendone l’importanza, tanto da tatuarselo: una rosa nera tingeva di rosso sangue una rosa bianca, che lasciava cadere un ultimo petalo candido.

Quarta di copertina

cover1
Il mito dei vampiri e il loro mondo tenebroso e affascinante da sempre ci catturano in una visione romantica, nonostante tante sanguinarie leggende. Più simile a un diario postumo che a un classico romanzo vampiresco, questo libro ci mostra il mondo umano attraverso gli occhi di una nuova non-vita: l’amore, il dolore, la solitudine come rifugio e poi… l’incontro con un personaggio dal volto misteriosamente familiare che porterà Scarlet ad addentrarsi, in cerca di risposte, in un mondo oscuro e crudele, dove sarà costretta a confrontarsi con tutte le paure e i ricordi da cui era sempre fuggita. La storia di un’esistenza umana raccontata dopo la morte e l’abbraccio. Il mito dei vampiri e il loro mondo tenebroso e affascinante da sempre ci catturano in una visione romantica, nonostante tante sanguinarie leggende. Più simile a un diario postumo che a un classico romanzo vampiresco, questo libro ci mostra il mondo umano attraverso gli occhi di una nuova non-vita: l’amore, il dolore, la solitudine come rifugio e poi… l’incontro con un personaggio dal volto misteriosamente familiare che porterà Scarlet ad addentrarsi, in cerca di risposte, in un mondo oscuro e crudele, dove sarà costretta a confrontarsi con tutte le paure e i ricordi da cui era sempre fuggita. La storia di un’esistenza umana raccontata dopo la morte e l’abbraccio.
“Scacco al re”

Sinossi
Scarlet è un vampiro da ormai cinque anni e il mondo ai suoi è mutato profondamente, vivendo solo di notte. Del tutto inaspettatamente ripiomba nella sua vita Max, che le rivela di essere divenuto un vampiro la notte in cui la lasciò, ma appartenente agli Insorti, fazione anarchica, violenta e sanguinaria. La non-vita ha cambiato Scarlet, molto più accorta e calcolatrice, istruita da Alex, braccio destro del Principe Edward, che tuttavia ha scoperto una strana anomalia che la riguarda: non ha perso completamente le emozioni umane. Max è stato inviato per sfruttare il loro passato amore, per arrivare al Principe ed ucciderlo. Lei da un lato vorrebbe assecondarlo, dall’altro è consapevole che consegnare San Francisco agli Insorti condannerebbe gli umani a un inferno in terra. Inizia un viaggio nel passato e uno scontro tra due razze di vampiri agli antipodi: Alex e Max. Scarlet rivela così i problemi avuti con Edward e i suoi timori, recuperando via via la propria natura di strega, fino a scoprire grazie a Kayla, la migliore amica della madre, di essere una Strega Guardiana. Questo le conferisce un potere che trascende tempo e spazio, con un forte con le Madri stesse, le Antenate, che trova forza nei sentimenti, peculiarità umana. Scarlet decide di assecondare Max, vendicando così anche la morte della madre. Ingannare uno dei vampiri più antichi del Nuovo Mondo non è però un gioco e sia lei che Alex verranno torturati, rischiando la morte ultima. Fingendo di consegnare al Principe l’Insorto, in una prova di fedeltà, Scarlet mette in atto il suo piano, rinunciando all’ultimo a seguire Max, restando al fianco di Alex per proteggere la città, avvertendo tuttavia il compagno che non tollererà di essere tenuta all’oscuro dei fatti e usata ancora, minacciando una fine peggiore di quella riservata ad Edward, avendo compreso come fin da principio il suo creatore l’aveva considerata una pedina fondamentale per la scalata al potere, seppur anche in Alex qualcosa sia cambiato nel tempo, rivelando un suo bisogno reale di averla accanto.

Quarta di copertina

cover2
Scarlet torna a raccontare la propria storia, mostrandoci la sua nuova esistenza, tra le notti di San Francisco e le trame di un mondo oscuro fatto di Vampiri e potere. Uno squarcio della sua non-vita scandito dall’improvviso, quanto inaspettato, ritorno di una figura estremamente importante, la cui perdita l’aveva condotta verso scelte definitive. Nuove alleanze per un obiettivo comune, strategie calcolate fin nei minimi dettagli e la riscoperta di sentimenti umani creduti perduti per sempre. In questo tumultuoso rincorrersi di eventi riaffiorerà prepotentemente la sua mai sopita reale natura. Sangue, amore, morte e magia; intrighi che vengono tessuti dal tramonto all’alba, alle spalle di un’umanità inconsapevole di come il proprio destino, al pari di quello dei protagonisti, altro non è che una grande patita a scacchi. Così Scarlet ci svela come la sua ingenuità in verità celi ben altro: riflessioni taciute e desiderio di vendetta che ora emergono e si muovono per giungere ad una giustizia non priva di sacrifici. Chi darà dunque scacco matto al re e quale sarà il vero avversario di Scarlet? Quanto un vampiro può amare anche dopo la morte e quanto invece è solo una lungimirante macchinazione per acquisire potere?
Sarà lei a mostrarci coi suoi occhi questo mondo nascosto nel tenebroso e pulsante cuore della città.

ESTRATTIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII

 

Che aspettiamo a leggerli in attesa del terzo ed ultimo episodio che chiuderà la trilogia?

LOl Krilli

Gioia De Bonis: Sweet Man Saga

Forza tutti in coroooo noi amiamo le saghe…noi amiamo le saghe…

Hola Krillers e bentrovati, lo so lo so che vi vizio con le migliori usciteeeeee, sono una bella persona lo sooooo…

Oggi con me Miss de Bonis che passa apresentarci il secondo volume della sua saga 😉

Quindi facciamo un breve recap del primo volumeeeeee:

https://www.amazon.it/SWEET-REVENGE-MEN-SAGA-Vol-

ebook/dp/B01MZCLSUQ/ref=sr_1_2?s=books&ie=UTF8&qid=1499091960&sr=1-2&keywords=gioia+de+bonis

E’ uscito invece  fresco fresco il secondo fantastico volume…già le premesse del primo erano buone no? 😉

https://www.amazon.it/s/ref=nb_sb_noss?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&url=search-alias%3Dstripbooks&field-keywords=gioia+de+bonis

19622572_1600111396699845_1757987619_n

Titolo: SWEET SUSPECT
Autrice: GIOIA DE BONIS
Editore: SELF
Genere: NEW ADULT
Prezzo Kindle: EUR 1.99
Cartaceo: ….
Uscita ebook 3 LUGLIO 2017
SERIE: #2 SWEET SUSPECT SAGA

Sinossi: Nathaniel Calder è un uomo tutto d’un pezzo, poche cose sono importanti per lui e le donne non sono fra queste. Lui le usa poi le lascia andare. L’unica che terrebbe sempre accanto a sé è la sua segretaria, l’affidabile Caleigh Sawyer. Lei è una ragazza frizzante, divertente con la passione per la lettura. Da quando si conoscono non fanno altro che litigare, lei lo irrita e lui vorrebbe azzittirla baciandola fino a farle perdere la ragione. Che siano destinati l’uno all’altra? Nate riuscirà a mettere da parte il passato per dedicarsi completamente a lei? Caleigh riuscirà a perdonargli le sue mille paranoie? Avranno il coraggio di vivere pienamente il loro amore o si fermeranno davanti ai primi problemi?

L’AUTRICE
Gioia De Bonis nasce a Tivoli il 24 gennaio 1990. Ha 27 anni ed abita a Marcellina, un paese vicino Tivoli. È laureata in lettere moderne presso l’università di Roma3 con una Tesi in Biblioteconomia. Adora gli animali, ama cantare e leggere. Esordisce nel mondo della letteratura col romanzo Sweet Revenge, uscito a gennaio di quest’anno.

 

Ora secondo voi…dopo questi estratti…no? cosa dovrei fare se non correre a leggermelo…?potere delle ferie a meeeee

Mucho love

Krilli

 

Oggi con me Miss Sara Purpura ed i suoi romanziiii

Hola Krillers e bentrovati, come sapete ormai da me passa solo roba buona 😉

Oggi parliamo dei romanzi di miss Sara Purpura e del suo ultimo successo uscito da poco poco…

” A time for love trilogy”

 

1

5127wI2fOxL

Ed ecco la 3 parteeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee

3

AUTORE: SARA PURPURA
GENERE: NEW ADULT
PAGINE: 330
VERSIONE: EBOOK E CARTACEO
DISPONIBILE SU: AMAZON DAL 28 GIUGNO 2017

 

SINOSSI

Quando Jeremiah Spector piomba nella sua nuova vita, Desmond è costretto a rivivere i ricordi orribili della sua travagliata infanzia. Adesso che ha l’amore, gli amici, una famiglia e il football, privarsi di tutto è inconcepibile.
La priorità è proteggere Anais, ma lei non sa come affrontare l’allontanamento a cui lui la obbliga e resta travolta dall’impatto emotivo che il suo passato ha provocato.
Rimettere insieme i pezzi, distruggendo l’uomo che lo ha danneggiato, è l’obiettivo di Des, ma per farlo sarà costretto a sacrificare se stesso e forse anche il futuro che si è guadagnato.
L’amore non sempre vince su tutto e Des e Anais saranno vicini a scoprirlo, ma quando il passato reclama la felicità che la vita finalmente ti ha concesso, cosa resta da fare?
Arrendersi o lottare per non perdere l’amore?
Tutto il tempo tra noi è l’ultimo capitolo della trilogia A time for love.

 

“Leggere un libro di Sara Purpura è sempre un viaggio.
Un viaggio alla scoperta di sentimenti forti, un viaggio che ti permette di denudare la tua anima, un viaggio che difficilmente scorderai perché vorrai portartelo dentro per sempre.”
Giovanna Mazzilli

 

 

ESTRATTI

“Scorgo nei suoi occhi la consapevolezza di non essere abbastanza e ciononostante la speranza di diventare tutto.”

 

“Ci sono dolori che non si ricorda
perché fanno così male.
Esistono e basta.”

 

 

“L’immagine che appare davanti ai miei occhi afferra il mio stomaco e lo mette in subbuglio.
Il cuore fra le mani per stritolarlo
e lasciarmi qui a morire.”

 

“Non riesco più a sentire nulla.
Perché nulla mi è più dovuto.”

 

“Essere capaci di nascondersi è una benedizione, ma a volte si vorrebbe trovare qualcuno in grado di trovarci lo stesso.”

 

 

“La vita è strana. Cambia faccia un’infinità di volte, prima di mostrarti il suo vero volto.”

 

 

“Andremo sempre in questa direzione:
io verso Des e lui verso di me.”

Io già me ne sto innamorandooooooo

 

Per saperne di più…

BIOGRAFIA DELL’AUTORSara Purpura nasce a Palermo nel 1981. Coltiva da sempre la passione per la scrittura, ma il destino la mette di fronte a una scelta ed è costretta a riporre le idee nel cassetto per un po’.
In questo frattempo non smette mai di scrivere, perché questo è il modo in cui si sente libera. Quando decide di farsi conoscere tramite i social network, inizia quest’avventura pubblicando per la Genesis Publishing. I suoi romanzi, Profumo di zagara e Oltre il buio, hanno ottenuto un discreto successo grazie al passaparola dei lettori.
Il dono della felicità è il suo primo lavoro da self, cui è seguito La mia luce sei tu, sequel di Oltre il buio, e Le ombre del cuore, l’ultimo capitolo della trilogia “Buio e Luce”.
Ha poi pubblicato Come il sole di notte: un romance ad ambientazione storica con cui si è misurata per la prima volta.
Tutto il tempo del mondo è il primo volume della sua nuova trilogia New Adult, “A time for love”. Tutto il tempo con te è il suo seguito e Tutto il tempo tra noi il capitolo finale.
Sposata e madre di due figli che adora, Sara ama leggere qualsiasi cosa. Per questo si definisce una lettrice onnivora.
Crea storie che le piacerebbe leggere e si emoziona mentre lo fa, sperando di riversare nei suoi racconti parte della trepidazione che prova scrivendoli.
Ama i romance, i grandi romanzi d’autore, i classici e gli storici.
Scrive, legge e ama. La sua vita si ciba di questo.

Buona letturaaaaaaaaaaaaaaaa e viva il romanticismoooo che per quanto la vita sia tosta, noi nn vi rinuciamo 😉

Krilli

 

 

 

Recensione: Serie War of Heart by Erika Castigliano.

Che si fa quando la passione prende il sopravvento? quando sentire la mancanza di qualcuno ci toglie il respiro, quando vogliamo qualcuno che non possiamo avere? ci sono solo due possibilità, darsi per vinti o combattere per lui o lei.

Se davvero lo vuoi, allora prenditelo.

Combatti per me Travis, combatti per noi.

51lQRgbAiqL._SY346_

Alyssa ha perso ciò che di più caro aveva, non le importava di niente e nessuno. Si sentiva in colpa e doveva fare i conti con la sua sofferenza. Le belle parole non servivano più, neanche gli abbracci e gli sguardi compassionevoli.

Aly si ritrova catapultata in un nuovo mondo che le è totalmente estraneo, trovandosi a fare i conti con le sue nuove responsabilità ed i suoi mille dubbi.

Si dovrebbe crescere step by step no? un passo per volta, il cordone andrebbe tagliato lentamente. Invece a volte la vita è proprio stronza e ci mette davanti a delle scelte belle e fatte, o si va avanti o si annega. Non importa come ti senti, non puoi decidere come stare, non c’è tempo per pensare. Perché se ti fermi i pensieri ti inghiottono, ti fanno a pezzi, non c’è clemenza per nessuno.

Alyssa è tosta, tutti hanno scelto per lei, il suo percorso di vita sembra segnato, sino a quando non incontra Travis. Tutti vogliono proteggerla, tutti vogliono tenerla al sicuro, con l’unico risultato di farla sentire anche peggio.

Aly deve confrontarsi con la sua nuova vita, un percorso che forse avrebbe scelto, o forse no. Deve imparare ad adattarsi ma soprattutto a fare i conti con se stessa. Deve uscire da quel guscio e dimostrare di potercela fare, senza che nessuno la tenga per mano.

Il tutto sino a che non arriva Travis, che le dona quel supporto, quella stima, quell’incoraggiamento necessario a muovere i primi passi verso il suo futuro senza per questo soffocarla.

Travis ed il suo background ha deciso da solo cosa vuole per la sua vita, non ha potuto dare spazio alle emozioni ma solo alla ragione. Ha un obiettivo ed innamorarsi non era certo fra quelli.

Come fai a staccarti da qualcuno se al solo pensiero stai male, fai mille promesse e poi le manterrai. Cosa si fa quando la distanza può uccidere?

“Combatti per me” è tutto questo, è intenso e ricco di sentimenti forti, che in più di un’ occasione mi hanno rubato mille lacrime. Non è solo la storia di un amore travolgente, ma è un fluire di emozioni, leggi cosa accade e senti come stanno, vivi le loro tragedie interiori, vivi la loro sofferenza come se fosse tua.

Combatti per me, è un inno al non arrendersi un percorso di crescita che guiderà i protagonisti verso scelte dolorose e non previste.

La storia prosegue ” In  your arms” fra le tue braccia.

51Rv50PAy+L._SY346_

Quante volte vorremmo solo un abbraccio e sentirci dire che tutto andrà bene, vorremmo solo sentirci al sicuro, e lasciare fuori tutti i brutti pensieri, stringendosi, aggrappandosi al pensiero che se tutto dovesse cambaire, comunque andrebbe sepre tutto bene.

Ma anche qui la vita è perfida, gli eventi ci travolgono, perdiamo quell’abbraccio e tutto sembra crollarci addosso. Si tenta di andare avanti ma si percepisce che qualcosa si è perso strada facendo e che probabilmente non saremo più gli stessi. Saremo meglio o peggio, questo non lo so. So solo che i protagonisti, affrontano le conseguenze delle loro scelte, facendo del loro meglio ma anche del loro peggio. Non può piovere per sempre, tuttavia quanto può durare una tempesta? si è davvero sempre forti da superarla o a volte bisogna sbatterci contro per capire cosa si vuole,per capire cosa siè perso?

Perché se alzi un muro, devi pensare a chi lasci fuori ed a quanto davvero ne valga la pena. Si può rimanere arrabbiati per sempre o perdonare e dimenticare. Sperando che il tempo faccia il suo corso.

In ogni caso non ci sn garanzie di sorta.

“In your arms” è il posto in cui Alyssa vuole stare, il posto in cui vuole tornare, se le verrà concesso, è il posto dove gli orrori che ha vissuto svaniscono e dove l’amore prevale al di là delle scelte giuste o sbagliate. E’ il paradiso oltre la solitudine, il balsamo che guarisce le sue ferite.

Stare fra le braccia di qualcuno è un dono, se qualcuno combatte per noi, allora anche noi dovremmo combattere per lui.

Buona lettura

Krilli

 

A

Tornano le Cronache di Ansorac <3

Krillers ecco il nuovo romanzo di Marko D’abbruzzi 😉 che aspettavoooooo!!!

Giubileo – Esodo!

 

Estratto Le Cronache di Ansorac vol3 barone kimari

Ormai al terzo, penultimo, volume della saga, Ansorac sta svelando pian piano i suoi segreti più oscuri. La saga di Marko D’Abbruzzi si conferma appassionante, definita dai lettori “un must della lettura fantasy”. Centinaia le copie vendute e, nonostante i pochi mezzi a disposizione e la particolarità assoluta della storia, scala le classifiche. Le Cronache di Ansorac: Genesi – Inferno & Paradiso, volume I della saga, si è classificato nella graduatoria best seller fantasy IBS di Maggio2017.

Presentazione del romanzo:

Gost e Nive 300dpi

Il terzo volume di Le Cronache di Ansorac, saga scritta da Marko D’Abbruzzi, era attesissimo dai lettori che già dopo i primi giorni di pubblicazione richiedevano l’ultimo, in uscita prevista a Ottobre 2017.
La storia continua in un crescendo di avvenimenti che trovano i protagonisti alle prese con diverse situazioni. Kronos e Gost, liberato King dall’inferno, intraprendono un percorso difficile e pericoloso verso il Gelo Nord alla ricerca dello Spirito del Gelo. Inviati dal Barone Vega, i due non sanno esattamente cosa li attenderà tranne la presenza degli uomini armati della Middlecorp, sempre più tecnologici grazie ai nuovi strumenti bellici di distruzione ideati e costruiti dall’ignaro Professor Ares, alias Jasper Solcanar fratello di Kronos.

Anche Jasper si trova davanti a scelte difficili, rese ancor più oscure e misteriose dalla proposta di Profius Von Barazinger; la curiosità e la sua ignoranza nei confronti dell’utilizzo delle sue invenzioni lo renderanno ignaro complice della corsa al potere del suo capo.

Kimari sta ricostruendo Fossa dei Leoni con l’immancabile sostegno del Barone Vega mentre King torna in patria per liberare il suo popolo dal giogo della chiesa di Manowar e della Middlecorp. Il re Ribelle torna finalmente in azione dimostrando la voglia di riscatto delle mezze tigri.

Arkanis e i monaci silenti si preparano per la guerra, ormai alle porte e iniziano gli spostamenti che andranno a favorire lo schieramento del Barone.

Le carte si svelano sul tavolo dei potenti, le fazioni si mostrano e il tempo degli intrighi è ormai finito. Si cercano gli ultimi alleati e si muovono gli eserciti. Ansorac non aspetta più nessuno e inizia a ribellarsi al volere degli ansoriani.
In questo nuovo e appassionante volume, Marko D’Abbruzzi ci racconta con maestria crescente la storia di questo pianeta sull’orlo della distruzione. La lettura rimane scorrevole e ritmata, mai noiosa e sempre significativa. I contenuti sociali presi dal nostro mondo aiutano il lettore ad immedesimarsi nella storia mentre i personaggi, resi quasi reali dalla penna dell’autore, diventano dei modelli da cui prendere spunto.

Pronti per la guerra mondiale su Ansorac? Centinaia di lettori sono già rimasti a bocca aperta!

CdAIII copertina web

Sinossi:

Ansorac è un mondo in balia di due poteri predominanti: politica e religione.
Nella lotta al risveglio degli animi, o alla distruzione della libertà di pensiero, i protagonisti dei vari schieramenti iniziano a mostrare le armi pesanti o giungono, con sotterfugi e ribellioni, a importanti traguardi. La scacchiera è pronta, le pedine si muovono. Guerre, rivoluzioni, fughe, nuovi alleati e vecchi nemici si fanno sempre più presenti sul palcoscenico del pianeta mentre la popolazione ignara continua a vivere, senza capire, tra i crolli finanziari e strutturali delle città.

Alcune verità faranno capolino nei cuori e Ansorac inizierà a risvegliarsi in un bagno di sangue…

Quarta di Copertina:

Il momento della verità si avvicina…
Le fazioni si svelano. L’ora del sotterfugio giunge al termine e il potere non gioca più a favore del tempo…
Ansorac, sull’orlo del baratro, si prepara all’inevitabile epilogo.

«Vorrei potermi fermare qui», lesse fra i continui fremiti, «lasciarvi col sussulto nel cuore
e la speranza in gola. Scriverei “vissero felici”. Si, mi piacerebbe sorridere al sole il giorno dopo la paura, sentire l’anima in trepidante attesa di un nuovo inizio, mano nella mano, verso un domani luminoso. Vorrei potermi fermare qui…ma è la storia che avanza ed è più forte delle mie parole»

Estratto pag 287-288:

Il Barone s’affacciò alla finestra, la notte disegnava d’argento il cielo macchiato di rade nubi. I vapori giganteschi dei vulcani di Monfiamma coloravano di diamanti e rubini le coste dell’arcipelago.

Deval era muta, nessuna luce brillava nelle case vuote, nessuna voce scivolava nelle vie deserte. Gli abitanti erano andati via, composti, condotti ai Rifugi sparsi nei continenti.

La luna dardeggiò da una nuvola, gli occhi ammirarono gli scintillii di platino della maestosa armata navale uscire dalle grotte ai piedi del vulcano. Il mare gonfio e cattivo era pronto a scatenare la sua furia, il ritorno del Signore delle Acque si percepì in ogni onda brutale, lungo i confini del cielo scuro, nei fremiti del terreno nelle viscere del suo regno. L’Ares borbottò, pennacchi minacciosi si levarono lungo i pendii incrinati dagli spasmi della terra.

Il Barone inspirò il vento caldo, le mura della sua residenza vibrarono scosse da un terremoto piuttosto aggressivo. Non si udiva nessun urlo, nessuna sirena, solo il fragore dei vulcani eterni, lo sfrigolio del bacio fra lava e mare, il soffio dei vapori e i brontolii del terreno.

Rientrò nella camera e lisciò lo sguardo sulle lucide librerie, qualche tomo era caduto sul pavimento a seguito del sisma.

Ne raccolse uno, sfogliandolo lentamente.

«Vorrei potermi fermare qui», lesse fra i continui fremiti, «lasciarvi col sussulto nel cuore e la speranza in gola. Scriverei “vissero felici”. Si, mi piacerebbe. Sorridere al sole il giorno dopo la paura, sentire l’anima in trepidante attesa di un nuovo inizio, mano nella mano, verso un domani luminoso. Vorrei potermi fermare qui… ma è la storia che avanza, ed è più forte delle mie parole» sospirò riponendolo sullo scaffale.

La terra gracchiò, l’Ares si cinse il capo con una corona di rubino e infine eruttò furiosamente, spaccando il cielo di fiamme.

Pagina facebook: Le Cronache di Ansorac

Instagram: le_cronache_di_ansorac aggiornato in tempo reale sul romanzo e il progetto edi- toriale I.D.E.A.

blog: immaginadiesserealtro.blogspot.com per avere più informazioni su romanzi, autore e progetto editoriale I.D.E.A.

Link d’Acquisto:

IBS: https://www.ibs.it/cronache-di-ansorac-giubileo-esodo-libro-marco-d-abbruzzi/e/9788894160277?inventoryId=68119398

LaFeltrinelli: http://www.lafeltrinelli.it/libri/marco-d-abbruzzi/cronache-ansorac-giubileoesodo/9788894160277

Se lo consiglio? cero che sì!!!

Lol

Krilli

Con me oggi Miss Eva D’amico ed i suoi romanziiii

Hola Krillers come sapete mi accaparro sempre le migliori usciteee.

Con me oggi Eva D’Amico e la sua saga 😉 MEMORIE DI SANGUE VOLUME 1-2

Tanta robaaaaaaa 😉

Memorie di Sangue vol 1:

Memorie di Sangue: Il Castello del Giorno Eterno di Eva D’Amico.
Un nuovo modo di a raccontare il genere fantasy “dark romance”, importanti messaggi velati sul condizionamento e il maltrattamento delle donne ma soprattutto una sperimentazione narrativa che avvicina il mondo della letteratura a quello del cinema. Immagina Di Essere Altro (progetto editoriale giovanile) propone un altro interessante romanzo.

Presentazione del romanzo:

Memorie di Sangue: Il Castello del Giorno Eterno, primo di due volumi, tratta l’intricata vita di una bambina orfana, adottata da un ragazzo nobile e a affascinante. La protagonista diventerà, con lo scorrere delle pagine, una giovane donna in lotta per la sua libertà.
Nei primi capitoli l’autrice offre un’ampia e ben curata visuale del mondo con gli occhi della piccola, cresciuta all’interno di un prestigioso maniero in stile vittoriano che lei vede come “il castello delle favole”. La bambina prende per volontà di Jeile, il suo signore, il nome Eva, come la prima donna biblica, in quanto prima persona “esterna” ad entrare nel palazzo.

Con lo scorrere delle pagine la piccola cresce mostrando una persona che si evolve all’interno del condizionamento e della menzogna. I veli che le mostrano la facciata del “castello fiabesco dal giorno eterno” cadono uno dopo l’altro dandole assaggi della realtà che la circonda tramite traumi e violenze, rendendo la ragazza un “involucro acculturato” ma privo di qualsiasi esperienza esterna al palazzo o reale emozione.

Tutto cambia grazie a un evento affettivo scatenante e la giovane inizia a ribellarsi contro i suoi signori. Questa storia è arricchita, in un senso, e alleggerita, dall’altro, grazie allo sfondo fantasy dark romance che vede i de Lefevbre, “famiglia” di Eva, come stirpe di vampiri e i von Bohme, parenti dei primi, come stirpe di licantropi. Entrambe le casate sono unite e in lotta contro i Burns, determinati a sterminarli.

Molti personaggi calcano la scena, tutti resi primari dallo stile unico dell’autrice. Il romanzo, infatti, è un fantastico modello di narrazione sperimentale che porta il lettore nel vivo delle situazioni grazie a brevi e rilevanti cambi di prospettiva dando la possibilità di “vivere” ogni aspetto del romanzo sotto più punti di vista senza togliere sorpresa alla storia.

Si può intendere il narratore come prima persona onnisciente, le “Memorie” sono quelle di Eva, ma durante lo scorrere delle pagine si trovano interventi in prima persona di altri personaggi. Questi brevi scambi danno l’impressione tipica del back stage dei film, quando gli attori raccontano la scena ricordandola, mentre lo spettatore la vede “in azione”.

La meravigliosa ricostruzione fantasy del palazzo vittoriano è l’ambientazione dominante nel romanzo che rende al meglio il senso di soggezione e oppressione che sente la protagonista. I colpi di scena, le lotte e gli intricati giochi di potere delle casate offrono ritmo alla narrazione.
I contenuti derivanti dalla storia, velati per permettere la lettura anche a un pubblico più giovane, sono un invito alla riflessione, per lo più femminile, sul concetto di “essere”: può un nome definire chi siamo? Possono i nostri abiti determinare la nostra persona? Ma, soprattutto, si può vivere in balia degli altri senza mai reagire riflettendo in modo critico sulle situazioni che ci circondano?

Eva de Lefevbre si ribellerà al condizionamento e alla prigionia, alle violenze psicologiche e fisiche, ai mostri che albergano nella sua vita cercando se stessa in modi che non si sarebbe mai aspettata.

Sinossi:

Una ragazza con troppi nomi, un passato sconosciuto e povero che diventa una vita ricca di eleganza e finte conoscenze, un futuro incerto.
Eva è una ragazza condizionata dalla sua educazione, rigida e relegata nel “Castello del Giorno Eterno”, illusa di vivere in una posizione privilegiata, circondata da persone che si mostreranno troppo tardi per ciò che sono realmente.

Quando i veli della menzogna cadono, il vuoto prende il sopravvento lasciando Eva in balia di se stessa, sola e confusa.
Cosa succede quando il tuo nome non rispecchia la persona che sei, quando ti viene rubato e ti accorgi di non essere nulla nonostante una vita di trascorsi? Cosa accade quando reagisci alle troppe vessazioni subite e tiri fuori gli artigli per combattere?

Chi è Eva? Una privilegiata? Una puttana? Una bambola? Una serva?
Cercherà di scoprire se stessa all’interno di una vita piena di bugie e lotterà contro i suoi signori per guadagnare l’amore, il rispetto e la libertà.

Un freddo improvviso mi raggelò il petto, capii che quello non era il castello delle favole: era solo un’immensa casa per le bambole
ed io non ero che una delle tante…

Cosa succede quando il fragile vetro delle belle bugie s’infrange sull’amara verità? Cosa fai quando perdi in un attimo tutte le certezze e ti rimane solo il vuoto?
Eva de Lefevbre affronterà da sola il cammino verso la verità, il sentiero che ci distingue dai mostri e ci rende umani.

Biografia:

Eva D’Amico nasce a Roma il 15 maggio 1991, fin da bambina ama disegnare, dipingere, leggere e scrivere. Dopo le scuole medie queste passioni la portano a scegliere il liceo artistico.
Gli anni del liceo trascorrono ricchi di sperimentazione pittorica, teatrale, musicale e letteraria insieme ad un piccolo di gruppo di amici. La scrittura, in questa fase della sua vita, è una parte importantissima ma non il fulcro centrale della sua attività artistica che si concentra per lo più sulla musica e sul disegno. Arriva prima nella sezione letteraria del concorso indetto dalla Regione Lazio, riservato ai licei, nell’anno accademico 2009/2010.

L’ultimo anno del liceo è l’inizio di un lungo periodo della sua vita segnato da lutti e da una difficile situazione familiare e personale, è in questo periodo che la scrittura diventa centrale.
Comincia a scrivere organicamente una raccolta di poesie e a dar vita a numerosi romanzi che rimarranno solo abbozzati, inconclusi e dimenticati per molti anni. Questo riscoperto amore per la letteratura le fa scegliere la facoltà di Lettere all’università, dove intraprenderà autonomamente un percorso “a ritroso” nella letteratura italiana e straniera, approfondendo i classici di sua iniziativa e costruendosi una solida base culturale.

Poco prima di conseguire la laurea prende coraggio e mette nuovamente mano al primo romanzo di cui aveva abbozzato la trama: Il castello del giorno eterno. Tra ripensamenti e correzioni, il suo primo romanzo viene concluso in pochi mesi.

Inizia allora un minuzioso lavoro di labor limae e di stesura di altri romanzi che la impegna molto durante tutto il percorso di studi che la poterà, dopo la laurea in Lettere, alla laurea specialistica in Italianistica.

Durante questo percorso viene in contatto con il “progetto I.D.E.A.” (Immagina Di Essere Altro) e immediatamente capisce che il tempo dei dubbi è finito.

Pubblica nel 2016 Memorie di Sangue: Il Castello del Giorno Eterno edito dal progetto editoriale giovanile I.D.E.A.

Nel 2017 Scrive Rapsodia, racconto contenuto nella Raccolta a tema cucina pubblicato da Tabula Fati.

Nel 2017 Memorie di Sangue: Le Figlie della Corruzione, volume conclusivo, edito da I.D.E.A.

 

IBS: https://www.ibs.it/memorie-di-sangue-castello-del-libro-eva-d-amico/e/9788894160222

LaFeltrinelli: http://www.lafeltrinelli.it/libri/d-amico-eva/memorie-sangue-castello-giorno-eterno/9788894160222

Memorie di Sangue: Le Figlie della Corruzione (vol2, conclusivo)

Presentazione del Romanzo:

La vita di Eva è stata sconvolta da incredibili avvenimenti: antiche lotte, maledizioni e mostri, fino a poco prima creduti solo leggende, fanno ora parte del suo percorso.
La sua guerra personale e la ricerca di se stessa la porteranno ad affrontare nuove verità e travolgenti avventure fuori dalla Casata DeLefevbre.

Nuove conoscenze la attendono lungo il cammino che la guiderà fino alla meta, dando finalmente risposta alla sua domanda esistenziale: Chi è Eva?

La lotta tra le casate DeLefevbre, Von Bohme e Burns è antica e porta con sé dei grandi segreti che la nostra protagonista svelerà lungo il percorso.
Eva scoprirà la sua famiglia e costruirà un rapporto, complesso e insidioso, con Fleur, sua sorella. La scelta su chi essere sembra ormai presa quando nuove emozioni riempiono il cuore della ragazza facendole perdere di nuovo ogni riferimento.

Crescere e comprendere il mondo intorno a lei sembra sempre più difficile e nessuno può aiutare Eva a capire ciò che non riesce a comprendere.
Nuove domande albergano ora nella sua testa e il tempo delle scelte si avvicina insieme ai tamburi di guerra: dovrà schierarsi ma con chi?

L’ultimo volume di questa storia porterà il lettore nel cuore delle Casate, svelerà la storia della loro formazione e terminerà un percorso importante, quello della scelta.
Scegliere chi essere, scegliere per vivere o sopravvivere, cercare se stessi non solo dentro di noi ma anche negli occhi degli altri.

L’Autrice, Eva D’Amico, ci regala un volume conclusivo inaspettato, appassionante, emozionante e pieno d’azione! Mantenendo sempre il peculiare stile narrativo che porta il lettore al centro dei pensieri di ogni personaggio, farà vivere ai suoi lettori una storia mai banale e sempre in crescendo. Le note del dark fantasy, la ricostruzione in stile vittoriano del palazzo DeLefevbre e lo stile molto cupo e interiorizzato del primo volume si scontreranno con la modernità, una città tecnologica e un’impronta più movimentata nello scorrere delle pagine. Fazioni, tradimenti, uccisioni e scontri in campo aperto daranno un nuovo input alla protagonista e un nuovo sapore alla storia!

La crescita professionale dell’autrice emergente Eva D’Amico si fa sentire tra le righe di quest’ultimo volume che vi lascerà senza fiato!

 

copertina MdS px

Una ragazza girata di spalle, aveva lunghi capelli biondi e lisci raccolti in una coda alta, era intenta a cercare qualcosa su uno scaffale colmo di coltelli e spade…
Lei si voltò a guardarmi ed io mi paralizzai.

Convivere con il passato non è mai semplice e scoprire di averne uno che ha già scritto il tuo futuro porta di fronte a una terribile domanda…
Sei tu a decidere o la vita sceglie per te?
Il percorso di Eva sarà nuovamente sconvolto.

Dove trovarlo…

 

IBS: https://www.ibs.it/figlie-della-corruzione-memorie-di-libro-eva-d-amico/e/9788894160291?lgw_code=1122-B9788894160291&gclid=CjwKEAjwpdnJBRC4hcTFtc6fwEkSJABwupNikgG0XSJ_dcDZLgNfuQzcb6llNtv6N3TNsaztVAefKxoC3qrw_wcB

LaFeltrinelli: http://www.lafeltrinelli.it/libri/d-amico-eva/figlie-corruzione-memorie-sangue/9788894160291

Contatti: Facebook: Memorie di Sangue    Instagram: memorie.di.sangue twitter: IDEA_Libri.

Estratti dal secondo volume:

Memorie di Sangue: Le Figlie della Corruzione

Capitolo 7 – Pagina 81.

Le lacrime le bagnavano il viso. Di cosa aveva paura?

Feci un passo verso di lei per abbracciarla, tesi la mano ma la serrai subito dopo.

Non toccarla.

Se la sfiori non riuscirai a consegnarla come esca.

Se la sfiori non farai che complicare le cose.

«Io ti guardo come ho sempre fatto» risposi solamente «Non sono la persona adatta a giudicare nessuno. So che l’amore è cosa rara tra padrone e servo, come so che tra te ed Ezequiel ci sono sempre stati profondi sentimenti. Non temere, se vorrai ti aiuterò a parlare con Jeile una volta conclusa questa storia e gli farò capire che deve lasciarti libera di amare chi vuoi. Non gli permetterò di farti fare la fine di Gabrida».

Gabrida, amore mio, ti ho persa per egoismo.

Ti ho persa perché non ho saputo proteggerti come avrei dovuto.

Non ripeterò lo stesso errore. Non con lei, non dopo aver imparato da te cosa sia il vero amore per qualcuno.

La sua felicità vale per me più di tutto il resto.

Capitolo 13 – Pagina 220.

battaglia 300dpi

Il suo corpo era mutato in qualcosa che non avrei immaginato neanche nei miei incubi peggiori.

Il suo aspetto assomigliava a quello di un lupo ma era enorme, alto almeno tre metri. Dalla pelle, quasi totalmente glabra, le vene sembravano affiorare come bestie abissali sul pelo dell’oceano, i muscoli definiti avevano qualcosa d’innaturale. Il suo bellissimo viso d’angelo era diventato quello di una creatura mostruosa, un lupo con gli occhi allungati di un pipistrello e un muso antropomorfo. Le unghie divennero artigli, i denti zanne allungate, una folta pelliccia grigia gli ricopriva la testa, le spalle e le braccia fino ai polsi.

Neanche i suoi occhi erano più umani.

Divennero completamente rossi come rubini infernali.

Per un istante mi chiesi se mi avrebbe uccisa.

Ruggì contro i nostri nemici e il mio cuore smise di battere, sprofondando nella paura.

Anche le guardie rimasero sconvolte nel vederlo, ammutolite, con i fucili spianati ma incapaci di fare fuoco.

Io sono pronta a leggerla e voiiiii?

Lol

Krilli

 

Intervisto Mauro Cesaretti

Holaaaa Krillers e bentrovati con me oggi un ospite decisamente fuori dalle righe che stalkero da un po’ 😉

Un poeta? ebbene yes! scopriamolo insiemeeee

Due righe sull’ autore, parlami di te, chi sei?

ma cesa

Sono Mauro Cesaretti, ho scritto due sillogi, compongo al pianoforte, faccio il paroliere, scrivo in un giornale di cinema e ho brevettato una forma di danza chiamata Body Poetry. La cosa che può stupire di più è che ho solo 21 anni!

( sti caxxi 😉 )

Com’è nata la tua passione per la scrittura i suoi primi passi fino alla pubblicazione.

La mia passione è nata all’età di 11 anni, quando per un compito in classe dovetti scrivere una poesia e da lì ho iniziato ha sperimentare.

La tua concezione della scrittura.

Inizialmente pensavo che scrivere fosse solo una forma per esprimersi e liberarsi di pensieri, poi lo studio mi ha portato a capire il valore stesso della scrittura e attualmente lavoro molto sulla tecnica e in poesia sono tornato all’uso della metrica.

Cosa vuoi trasmettere a noi lettori.

Vorrei trasmettere le emozioni che ho vissuto sperando che gli altri possano rivedersi in un rapporto mimetico ed empatico.

3 aggettivi che descrivono te ed il tuo stile.

Sognante, infinito e istantaneo.

https://www.ibs.it/se-vita-sara-per-sempre-libro-mauro-cesaretti/e/9788897875901?inventoryId=53134952

https://www.ibs.it/se-poesia-sara-per-sempre-libro-mauro-cesaretti/e/9788868920869?inventoryId=54547747

Progetti in corso e futuri.

Continuerò a recensire film, intervistare, scrivere canzoni, poesie, studiare e aspetto che esca a settembre il mio nuovo libro ormai in elaborazione “Se è Amore, lo sarà per sempre”.

Un sogno nel cassetto ed uno che è già fuggito dal cassetto.
Vorrei diventare regista e far sognare con le mie storie le persone. Spero che si realizzi in fretta, in ogni caso già mi cimento nella videopoesia per chi fosse interessato:

https://www.youtube.com/channel/UCu8v5PtelmKkYBEbsOPxuxQ

Parliamo di poesia, hai scelto tu questo genere o la poesia ha scelto te?

Probabilmente è la poesia che ha scelto me perché mi è venuta più volte in sogno e anche perché successivamente scriverò anche romanzi.

Other info
https://www.facebook.com/CesarettiMauro/

http://oubliettemagazine.com/2016/05/03/le-metier-de-la-critique-mauro-cesaretti-il-poeta-anconetano-sperimentatore-del-melting-pot-artistico/

Mica male eh…
Lol Krilli

“Tander” di Cristina Vichi! da non perdereeeeee

Hola Krillers torno felice da un viaggio dentro questo romanzo che mi ha fatto un po’ sognare 😉

Inoltre l’autrice mi ha dato questa opportunità di leggerla e mi sn divertita un botto!

Come sapete da me niente spoiler…sn cattivissima lo sooooooo

però posso dirvi che trovate: Amore…amicizia…magia…intrigo…suspence…vi dico solo che mi ha ricordato molto Twilight per la tenacia dei protagonisti e la descrizione precisa e lineare di ciascuno di loro 😉 ed è un complimento eh!!!

Cristina ha un bellissimo stile narrativo, non si incarta mai anzi sbobbina ogni evento della storia in maniera travolgente, che per un fantasy di solito è una roba complicata 😉

La storia funziona, i sentimenti dei protagonisti, sono forti, intensi, non lasciano spazio a dubbi, inoltre nessuno di loro ha peli sulla lingua 😉

Ho apprezzato i diversi registri che ha utilizzato a seconda dell’età e dei caratteri dei personaggi, un paio li avrei affogati, ma poi ho pensato che magari voleva scrivere il seguito quindi mi sono dovuta astenere hihihih

Niki, Laila, Emily, Erkan, il grigio…cosa avranno in comune fra loro?

Perché leggere Tander? in primis perché è un fantasy che lascia spazio ai buoni sentimenti, non ne posso più di storie e struggenti e devastanti, due perché l’ironia e la forza d’animo regnano sovrani, 3 perché scrivere un fantasy è difficile per cui incoraggiamo i nostri autori, perché è una bella storia ricca di emozioni, anche divergenti  fra loro che però poi trovano un punto comune…

Ps. il romanzo è tutto bello ma pag 17 non ha eguali…

Tutto questo è Tander io l’ho già letto ora tocca a voiiiiiiii 😉

LOl

Krilli

Blog Tour Agnes Moon ‘In Trappola’

Hola Kriller questa week tocca a me portare avanti la tappa del nuovo successo di Miss Agnes Moon, che ringrazio per questa opportunità 😉

https://www.facebook.com/events/1476459575759041/

Ecco la prima tappa: http://www.letturesalepepe.com/blog-tour-e-giveway-in-trappola-di-agnes-moon-prima-tappa/

Mi è stata donata una tappa figaaaaaa indovinate un po’ music and estrattiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

Pronti?

Note dell’autrice 😉

“Questa è una playlist con quattro brani che amo moltissimo e che mi sono stati d’ispirazione nella stesura di In trappola”.

By this river di Brian Eno è un brano struggente e intriso di malinconia che ci ricorda, con il suo ritmo suggestivo e ipnotico, la caducità e la costante precarietà della condizione umana. Bizzarro – in un libro con protagonisti vampiri immortali – eppure particolarmente adatto, visto che i miei personaggi vengono trasformati in punto di morte. Qui Philip ricorda la sua morte e la rinascita per mano di Vincent, il suo creatore. Erano decenni che nessuno osava sfiorarmi neanche con un dito, a meno che non lo volessi io, e di questo dovevo ringraziare Vincent che mi aveva trovato, morente, in quel fottutissimo bordello in Nuovo Galles: lo stesso lurido luogo dove era morta mia madre, una delle prime galeotte inglesi deportate dall’Inghilterra benpensante nel 1787 e finite – per la maggior parte – a prostituirsi nei bordelli e nelle bettole australiane. Dopo la sua morte ero rimasto solo al mondo e molto presto la maitresse aveva trovato il modo di farmi guadagnare il pane. Quando Vincent mi aveva trasformato, si era preso il gusto di uccidere il “cliente” che mi stava picchiando selvaggiamente e la tenutaria del bordello che glielo stava permettendo, come se io fossi una bambola rotta; purtroppo non era riuscito a intervenire in tempo ed ero stato praticamente morente, e non solo per le percosse. A quei tempi non esistevano controlli sanitari e l’igiene non era certo al primo posto nei pensieri degli avventori di un bordello, per questo motivo a diciassette anni – e dopo quasi cinque anni di “lavoro” forzato – la sifilide mi stava devastando il corpo. Ricordai come uno dei sintomi peggiori, oltre l’estenuante stanchezza, fosse la graduale perdita della vista. Quando ero morto – per poi rinascere tra le braccia del mio creatore – la mia vista era quasi del tutto perduta: il mondo una cortina di fumo e le sagome praticamente indistinguibili. Repressi un singhiozzo a quel tremendo pensiero, ma sembrava l’unica spiegazione plausibile alla difficoltà che provavo nel vedere: se il collare riportava allo stato in cui si era al momento della trasformazione… ero praticamente cieco.

 

Walking in my shoes dei Depeche Mode è un brano incredibilmente d’impatto, dal punto di vista del ritmo e della melodia, ma ancora più interessante è il suo testo che a grandi linee dice così: “Sì, sono un peccatore… ma provate a mettervi nei miei panni, cosa fareste voi?” Quale canzone migliore per un libro il cui protagonista principale è un crudele vampiro? Qui Philip descrive la sua vendetta, chi non avrebbe agito allo stesso modo nei suoi panni e avendone la possibilità? Il terribile ricordo dell’ultima volta in cui ero stato “esposto” minacciò di farmi crollare. Ero stato solo un ragazzino, un bellissimo e imberbe giovanetto, la cui verginità era stata messa in vendita nel più orrido dei modi: all’asta. Non avevo mai dimenticato le facce immonde di quegli uomini che si azzuffavano per accaparrarsi le tenere carni di un bambino. Maledetti porci! Li avevo ritrovati tutti – dopo la mia trasformazione – e ne avevo manipolato le menti al punto da far friggere il loro cervello perverso; infine mi ero messo alla ricerca del fortunato “vincitore” e avevamo trascorso insieme una deliziosa settimana all’insegna dello svago e del dolore. Una volta deciso di essermi divertito abbastanza, lo avevo abbandonato lì – nella ricca dimora in cui abitava – spezzato psicologicamente e fisicamente. Me n’ero andato senza guardarmi indietro e lasciando lo sporco bastardo che respirava ancora, non volendomi comunque macchiare di un omicidio. Venni a sapere in seguito del suo suicidio e, naturalmente, me ne compiacqui soddisfatto. Dovete capire che a quei tempi la religione aveva fondamenta e dogmi ben radicati negli animi della gente, me compreso, e sapere che il vescovo della città non sarebbe stato seppellito in terra consacrata perché si era tolto la vita, mi diede una gioia incredibile. Si diceva che il pover’uomo non ci stesse più con la testa e continuasse a blaterare di strani mostri che lo avrebbero torturato, per poi curarlo a base di sangue e infine torturarlo ancora. Opera del demonio, vociferarono in molti facendosi velocemente un segno della croce; molto meglio che fosse morto, sentenziarono altri. L’unico rimpianto fu che nessuno avrebbe mai scoperto il viscido peccatore che era in realtà, ma si trattava di un piccolo prezzo da pagare pur di evitare di commettere peccato mortale. Non volevo andare all’inferno. Con il tempo, avevo compreso che la chiesa tendeva a stigmatizzare molto e a mostrare ben poca elasticità verso i propri credenti; mi ero evoluto, lasciandomi alle spalle le ottuse credenze religiose impostemi a suon di botte e abbracciando la filosofia illuminista di Bastien, braccio destro del mio creatore Vincent de Saint Bonnet.

Zombies dei Cranberries. Nata come denuncia contro le violenze a seguito del conflitto Nord Irlandese, questa indimenticabile canzone è ben presto diventata un inno contro tutte le guerre nel mondo! Gli Zombies non sono altro che uomini abbrutiti che non riescono più a vedere la disumanità delle loro azioni. Al contrario, i miei vampiri mantengono in pieno la loro umanità, anche se spesso la tengono molto ben celata. A volte gli essere umani non riescono più a vedere la loro disumanità, questo accade ai ricchi e viziosi “cacciatori” che si divertono a inseguire le loro prede, incatenate e prive di potere, in una caccia sanguinaria e crudele. Come avevo sospettato, Phil faceva parte del gruppo di quelli che avrebbero avuto un’ora di vantaggio. Oltre a lui, c’erano tutte le ragazze e un giovane mutaforma poco più adulto del mio compagno. Le guardie tolsero loro le catene dalle gambe e gli ordinarono di cominciare a correre. Quelli non se lo fecero ripetere due volte, fuggendo veloci verso i fitti boschi che si intravedevano a circa duecento metri. Philip mi lanciò un’ultima struggente occhiata, infine lo vidi avventurarsi nell’oscurità sempre più fitta. Mi si strinse il cuore nel notare il suo incedere incerto: sapevo che non vedeva nulla ed era debole e vulnerabile. Quando finalmente raggiunse i primi alberi, gli altri prigionieri erano già spariti da tempo; scorsi la sua figuretta che si inoltrava tra la vegetazione e infine non riuscii più a vederlo. Mi venne un groppo alla gola e per un attimo sperai quasi che il grigio lo catturasse subito, almeno non avrebbe corso il rischio di morire; poi lo immaginai tra le mani di quel porco e repressi a malapena un ringhio. No. Non poteva cadere nelle sue grinfie per diventare il suo sex-toy! Finalmente toccò anche a noi: le prede da abbattere, alle quali non vennero tolte le catene e fu concessa solo mezz’ora per dileguarsi nell’oscurità. Lanciai un’occhiata verso l’uomo che aveva pagato per darmi la caccia e gli ringhiai contro, quello per tutta risposta ridacchiò e assestò una pacca fiduciosa al suo fucile, certo non caricato a proiettili narcotizzanti. Nel suo sguardo lessi la sete di sangue, ero il suo trofeo e l’unica cosa che desiderava era abbattermi. Quando Hunter diede il via, scattai per quello che le catene alle caviglie mi permettevano e mi diressi verso il punto dove avevo visto sparire Philip. Sperai che mi stesse aspettando, nascosto da qualche parte, dovevo trovarlo e poi continuare la fuga insieme a lui. E in ultimo… perché alla fine l’amore è l’unica cosa che conti!!

The power of love, bellissima sia nella versione dei Frankie Goes to Hollywood che in quella più recente di Gabrielle Aplin (sottofondo nostalgico e intenso di una delle più belle puntate di The Vampire Diaries.) Philip scopre che la forza dell’amore può debellare i suoi demoni interiori: Il suo sguardo color del miele si addolcì. «Ti amo» sussurrò, non dandomi la possibilità di rispondere e premendo le sue labbra sulle mie. Fu un bacio dolce e umido, pieno di paura ma anche di speranza. Un bacio con il quale mi confermava che era mio, e io ero suo. Non mi era sfuggito il fatto che non mi avesse dato il tempo di parlare, forse impaurito di non poter sentire quello che agognava. Con la sua estrema sensibilità, aveva compreso che c’era qualcosa che mi bloccava e non voleva pressarmi o crearmi disagio. Ancora una volta mi resi conto che persona stupenda fosse il mio coeur du sang, quanto fosse migliore di me e quanto poco lo meritassi. Maledissi gli uomini malvagi che tanti anni prima – insieme al mio corpo – si erano portati via anche la mia anima, negandomi la possibilità di amare e inculcandomi l’atavica paura di appartenere a qualcuno. Assaporai la meravigliosa bocca di James e approfondii il bacio, sentendomi in colpa nei confronti di quell’uomo così buono e gentile. E fu proprio in quel momento che – perso tra le sue forti braccia – decisi che era arrivato il momento di combattere i miei demoni e concedermi la speranza di un futuro migliore, anche se avrebbe avuto la durata di un battito di ciglia. Mi staccai da quelle labbra che sapevano d’ambrosia e puntai lo sguardo su di lui, cercando di trasmettere nelle mie parole l’incredibile tumulto che mi invadeva il cuore: «Ti amo anch’io… lupastro.» Il suo bel viso si illuminò dalla gioia, mi abbracciò e mi strinsi a lui come se fosse la mia unica ancora di salvezza, cercando di fondermi con il suo corpo muscoloso. Combaciavamo alla perfezione e un’improvvisa sensazione di benessere mi riempì il cuore di una felicità mai sperimentata prima, in tutta la mia lunghissima vita.

Io mi sn emozionata un botto e voi?

Buona letturaaaaaaaaa