Oggi a Musica&Parole Miss Daisy Franchetto

Hola Readers pronti per l’ospite di oggi?

Per Musica&Parole targata Dark Zone

https://www.facebook.com/groups/1395196024143814/

 Miss Daisy, simpatica ed estroversa mi ha dato dei brani su cui lavorare…

Scopriamo gli estratti… tratti dal suo romanzo:

 

6pietre

Leggete e commentate… voi che colonna sonora avreste scelto? Ditemelo nei commenti;)

Un sogno ricorrente.

 

Ancora una notte, ancora quel sogno, ancora quelle immagini.

Sempre lo stesso, da tre anni. Ogni volta si aggiungeva un particolare che completava il quadro, ogni volta si svegliava con la stessa nostalgia e la voglia di tornare a casa. Anche se non sapeva dove fosse, ormai, la sua casa.

Il sogno iniziava sempre allo stesso modo. Vedeva i suoi piedi decorati con bellissimi tatuaggi color argento. Camminava calpestando candida sabbia, morbida come velluto e fresca. Le minuscole pietre che si mescolavano alla distesa sabbiosa riflettevano i bagliori notturni, allora alzava il capo a contemplare il cielo, sconfinato. Una stella cadente solcava la volta celeste, lasciando una scia luminosa che si dissolveva riassorbita dalla notte. All’orizzonte le Tre Lune sorgevano allineate. Tornando ad abbassare lo sguardo, poteva osservare la vastità del Deserto di Muna, volgendosi a est, l’immenso Bosco degli Alberi Neri e a nord in lontananza la sagoma scura del Palazzo con le sue guglie e le torri.

Una risata sgorgava argentina dal centro del suo cuore. Ecco la sua casa, ecco il regno cui apparteneva. Poi una scossa sotterranea la faceva trasalire e un brivido le percorreva la schiena. Guardando a terra vedeva con orrore che la sabbia aveva lasciato spazio a una voragine che correva lunga e profonda verso il Palazzo.

La crepa nera sembrava portare al centro stesso della terra. Lei restava a guardare inorridita l’oscurità, mentre una voce tetra saliva dal nulla.

Si svegliava proprio prima di cogliere ciò che la voce diceva. E fu a quel punto che si svegliò anche quella notte.

Riaprì gli occhi di scatto sentendosi perfettamente sveglia e lucida, assalita da quel desiderio viscerale di raggiungere la terra sognata, di salvare quel che restava di un mondo perduto.

Rimase sdraiata e immobile ad ascoltare il ticchettio incessante della pioggia sul lucernario. L’appartamento in cui abitava da qualche mese era immerso nel buio.

Sinbad era sdraiato al suo fianco, il costato si gonfiava e sgonfiava al ritmo tranquillo del respiro.

L’animale aprì gli occhi. «Non riesci a dormire?»

«Ho fatto di nuovo quel sogno, ma non capisco mai cosa dica la voce.»

«Non avere fretta» la ammonì il cane.

«Dopo tre anni che faccio lo stesso sogno? No, non c’è fretta» rispose lei sarcastica.

«Abbi pazienza Lunar. Il tempo è ormai prossimo.»

«Speriamo» sospirò lei «proverò a dormire ancora un po’.»

 
Fuori la pioggia continuava a cadere sottile, mentre il destino tesseva il disegno che, di lì a poco, avrebbe travolto nuovamente le vite di Lunar e Sinbad.

 

La mia idea:

 

Paul si avviò verso l’orfanotrofio, ma dopo pochi passi si voltò all’improvviso come colto da un’intuizione.

«Lunar, stai attenta» disse. Poi assunse un’espressione stupita quasi le parole fossero uscite contro la sua volontà.

Lunar ebbe un brivido, ma fece finta di non capire. «Attenta a cosa?»

Paul sventolò una mano davanti al viso come e dire che non doveva badare a quel che le aveva appena detto, le sorrise e si avviò in direzione dell’Istituto.

Lunar guardò il biglietto che Paul le aveva appena dato chiedendosi se l’avrebbe mai usato.

La consapevolezza di essere in pericolo fu a un tratto palpabile.

«Vieni, dobbiamo andare via di qui. Prendiamo l’altra strada, così il poliziotto non vedrà dove siamo diretti» disse Sinbad.

Si avviarono di corsa e s’infilarono in un vicolo buio. Per poco Lunar non cadde distesa al suolo scivolando su qualcosa di viscido.

«Ma che cos’è? Sembra muco…Sento uno strano odore, Sinbad. Ma chi ci sta inseguendo? Non sarà uno di quegli Orchi orribili con le corna?»

«Non credo si tratti di questo, ma hai ragione. Chi ci insegue non è di questo mondo. Corri!»

L’anello pulsava ed era diventato quasi incandescente, Lunar sentiva la carne bruciare sotto il metallo.

L’odore si fece più intenso, come un alito fetido e umido, ma l’inseguitore restava invisibile e silenzioso.

Sbucarono finalmente nella via secondaria che conduceva all’entrata dove li attendeva la religiosa. Fu allora che Lunar percepì chiaramente un suono raccapricciante, simile a un verso di animale, poi uno strisciare di carni molli e viscide.

Per quanto Lunar e Sinbad corressero, l’inseguitore era sempre vicinissimo. Potevano sentirlo muovere dietro di loro, a volte sembrava si spostasse anche lungo la parete degli edifici ai lati della via. Lunar si chiese con orrore se fossero più di uno. Qualcosa di molto simile a un tentacolo sfiorò la guancia di Lunar lasciandole un velo di sostanza viscida e urticante sulla pelle, strappandole un urlo disgustato. Anche Sinbad emise un grugnito di dolore: quando erano insieme, le sensazioni di uno diventavano quelle dell’altro.

L’Istituto era sempre più vicino. Mentre correva affannata, Lunar poteva vedere davanti a sé la porta che rappresentava la loro speranza di salvezza. Come se fossero stati spinti da un unico pensiero istintivo, Lunar e Sinbad compirono uno sforzo al limite delle loro possibilità e iniziarono a correre ancora più velocemente. L’inseguitore fu colto alla sprovvista e sentirono l’alito caldo allontanarsi leggermente.

La porta era ormai prossima.

Sarà aperta o chiusa? Si chiese Lunar.

Erano oramai al traguardo quando Lunar ebbe la risposta al suo primo dubbio. Gli inseguitori erano due.

Voltandosi a guardare Sinbad, vide due grandi occhi marroni e liquidi, apparentemente privi di corpo, sbucare sopra la spalla dell’amico.

«Attento!» urlò Lunar.

«Attenta anche tu!» le gridò Sinbad girandosi verso di lei.

Con la coda dell’occhio, Lunar poté scorgere un’altra coppia di occhi marroni, identici agli altri, proprio vicino al suo braccio. La creatura sbuffò e un vapore fetido la colpì in piena faccia annebbiandole la vista.

La porta era davanti a lei, ma sembrava sfuocata, sempre più sfuocata. Con orrore Lunar si rese conto di non riuscire più a mettere a fuoco le immagini. Faticava a respirare e le gambe sembravano sempre più deboli e pesanti. Allungò le braccia e le sue mani sfiorarono la superficie della porta, ma questa

scomparve e al suo posto Lunar trovò il vuoto. Cadde a terra e non vide più nulla.

 

 

 

La mia idea:

 

 

 

 

 

 

Lunar e gli altri affrontano gli spettri.

A mano a mano che si avvicinavano al punto, potevano percepire la crescente angoscia e tensione che gli spiriti creavano.
Stranamente, non ne avevano incontrato nemmeno uno, ne capirono il motivo quando arrivarono in prossimità dell’apertura in cui erano nascosti i gemelli. Tutti gli spettri della valle sembravano essersi dati appuntamento lì.
Un muro contorto e brulicante di corpi e arti inconsistenti si stagliava di fronte all’apertura in cui i bambini si nascondevano.
Odilon e Nabis stavano ingaggiando una lotta contro le malvagie entità e gli spiriti sembravano essere eccitati dalla resistenza che i due bambini stavano opponendo, tanto che non si avvidero dei nuovi venuti.
Lunar e Altea attesero che Albedo atterrasse sulla cima del canalone, creando un po’ di scompiglio. Quando il grosso Drago Bianco planò sulla roccia, il muro di spiriti fu scosso da un fremito e in molti si lanciarono all’attacco dell’animale.
Altea, Lunar e Sky ne approfittarono per correre in avanti tentando di guadagnare l’entrata alla roccia, mentre Acrax si esibiva in picchiate diversive.
Per quanto Albedo riuscisse a impegnarne molti, ancora tanti altri ne restavano alla base del canalone, e si gettarono voraci sulle due donne, trovandole pronte ad accoglierli. Altea era riuscita a erigere una barriera mentale intorno a sé, che le permetteva di avanzare lentamente, mentre Lunar procedeva con i palmi argentei rivolti verso i nemici, il bagliore purificatore sembrava infastidirli.
Il lupo nero, invece, proteggeva Altea e Lunar dagli assalti provenienti dalle retrovie.
La tecnica protettiva sembrava funzionare, ma gli spettri erano tanti e troppa era l’energia spesa per resistere ai loro attacchi.
L’imbocco del nascondiglio di Odilon e Nabis si trovava proprio lì vicino, eppure sembrava irraggiungibile e i gemelli non si vedevano.
Lunar cercava di non prestare attenzione a ciò che gli spiriti dicevano o facevano e per un po’ ci riuscì, poi la stanchezza ebbe il sopravvento e gli occhi cominciarono a indugiare sui volti dei
dannati. Visi orripilanti contorti da smorfie di angoscia e dolore, corpi mutilati e scene di violenza di tutti i generi, orge e atti osceni. Sembrava che si fossero concentrate in quei pochi metri tutte le sofferenze e le brutture del mondo.

io…

scopriamolo,leggiamolo
Krilli

Annunci

Un pensiero su “Oggi a Musica&Parole Miss Daisy Franchetto

  1. Pingback: Dark Zone #salTo16 backstage Daisy Franchetto | Perchè lo dice Krilli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...